Vai al contenuto

Sulla schiena o sul fianco: qual è il modo migliore per dormire durante la gravidanza?

    Scopri le nostre idee regalo per Uomo, Donna, Bambina et Bambino, Ragazza et Ragazzo.

    Come sta cambiando il corpo della donna

    È impossibile descrivere in un articolo i cambiamenti globali che avvengono nel corpo della madre in attesa. La portata di questi cambiamenti è sorprendente! Alcuni organi o sistemi prendono una nuova vita (iniziano a funzionare in modo nuovo), altri cadono sotto l’influenza del primo.

    Durante la gravidanza, il corpo subisce cambiamenti significativi, dai cambiamenti nel funzionamento di molti sistemi alla formazione di un perfetto nuovo organo e sistema circolatorio. Questi cambiamenti si riflettono nello stile di vita, nella dieta e nel sonno della donna.

    L’utero entra in una fase attiva, cambiando la sua dimensione, densità e forma. Il funzionamento dei sistemi ormonale, metabolico e immunitario cambia. Il volume dei polmoni aumenta a causa dell’aumento della domanda di ossigeno del corpo. Il carico sui reni cambia. È con i cambiamenti negli organi digestivi associati attacchi di tossiemia precoce.

    La ristrutturazione locale dei singoli organi e sistemi influisce sul corpo nel suo insieme:

    • L’utero in crescita costringe i reni a muoversi e può comprimere il tratto urinario;
    • L’intestino e lo stomaco si muovono verso l’alto, schiacciando lo stomaco e facendo precipitare il suo contenuto nell’esofago, causando il bruciore di stomaco;
    • Il diaframma si alza verso l’alto, limitando così i movimenti respiratori dei polmoni.

    L’utero aumenta di dimensioni e comincia a comprimere la vena cava inferiore, nella quale scorrono le vene che raccolgono il sangue degli arti inferiori, delle pareti e degli organi della pelvi e dell’addome.
    La compressione del sistema della vena cava inferiore porta a una riduzione del deflusso venoso.

    In realtà, l’alterazione del deflusso venoso durante la gravidanza non è una condizione patologica, a meno che la donna non sia geneticamente predisposta alle vene varicose o abbia avuto vene varicose prima della gravidanza.
    Per la prevenzione, alle future mamme vengono prescritte calze a compressione, fisioterapia, nuoto o la stessa ginnastica medica in piscina, e solo se necessario, può essere prescritta una terapia farmacologica.

    Tuttavia, la vasocostrizione durante la gravidanza può causare disturbi del deflusso linfo-venoso. L’interruzione del flusso di linfa e sangue nelle vene delle gambe porta ad un aumento della pressione intravascolare, le vene cominciano ad allungarsi, a deformarsi, la componente liquida del sangue comincia a filtrare attraverso le pareti delle vene nel tessuto muscolare e sottocutaneo.

    Tecniche fisioterapiche, manipolazioni osteopatiche, massaggi e ginnastica terapeutica aiutano a normalizzare questa condizione.

    L’importanza della placenta

    Nella seconda metà della gravidanza nasce nell’utero un nuovo organo, la placenta, attraverso la quale il bambino “comunica” con il mondo esterno.

    Attraverso la placenta vengono rimossi i prodotti di scarto, attraverso di essa il bambino riceve ossigeno, tutti i nutrienti necessari, materiali da costruzione.

    La placenta ha un proprio sistema circolatorio (circolazione utero-placentare).

    È un sistema molto importante sia per la madre in attesa che per il bambino.

    Perché se la circolazione utero-placentare si interrompe (cosa che potrebbe essere causata da infezioni intrauterine, invecchiamento precoce dei tessuti, bassa pre-gravidanza), il cervello del bambino soffre di più, poiché non riceve abbastanza ossigeno e tutto il nutrimento necessario con il sangue. Questo può poi influenzare lo sviluppo cognitivo del bambino.

    Ma un sano flusso di sangue non dipende solo dalla potenza di pompaggio del cuore. Il movimento senza ostacoli di tutti i fluidi corporei dovrebbe essere garantito in tutto il corpo – la tenuta dovuta a un utero in crescita, dislocazioni ossee, costrizioni, sigilli e morsetti non dovrebbero interferire con questo processo.

    Come dormire correttamente

    Una futura mamma può anche aiutare il suo corpo a distribuire correttamente il carico. Questo è particolarmente importante durante il sonno, quando il corpo ha bisogno di rilassarsi e guadagnare forza. Ecco alcune regole che aiuteranno a garantire una corretta circolazione del sangue durante il sonno e ad evitare problemi come bruciori di stomaco, gonfiore e crampi alle gambe di una donna incinta, così come la carenza di ossigeno nel feto:

    1. Nel primo trimestre puoi dormire in una posizione familiare, anche se la tua posizione preferita è a pancia in giù. Ma non appena la donna scopre la gravidanza, è meglio svezzare gradualmente questa posizione e cercare di dormire sul lato.

    2. Quando la pancia si allarga, si dovrebbe scegliere la posizione sul lato. Dormire a pancia in giù nel secondo trimestre è severamente vietato, affinché il feto non soffra di carenza di ossigeno. Durante il giorno è possibile dormire sulla schiena per un po’, ma gradualmente è importante imparare a dormire solo sul lato.

    3. Nel terzo trimestre, quando l’utero cresce, i medici raccomandano di dormire sul lato sinistro. Questa posizione ridistribuisce la pressione sulla parete addominale anteriore e aiuta ad evitare un’eccessiva pressione dell’utero sulla colonna vertebrale, sul sistema della vena cava inferiore e sugli organi interni, il sangue fluirà liberamente alla placenta, fornendole ossigeno e componenti importanti per il feto. Inoltre, la madre in attesa si alzerà meno spesso per andare in bagno e i crampi alle gambe possono essere evitati.

    4. Per prevenire il bruciore di stomaco in qualsiasi trimestre (e si verifica, come detto sopra, a causa della compressione dello stomaco) la posizione durante il sonno sul lato sinistro è anche preferibile a quella destra.

    5. In alcune situazioni è possibile dormire sul lato destro, per esempio se a una donna è stata diagnosticata una presentazione trasversale o podalica. Questo può essere determinato da un’ecografia. In questi casi l’ostetrico può raccomandare alla donna di dormire sul lato in cui è girata la testa del bambino.

    6. Se la futura madre dorme sulla schiena, questo può causare diversi problemi spiacevoli:

    • L’utero comprime la vena cava, il cuore pompa il sangue a un ritmo più elevato e il ritmo cardiaco può essere disturbato;
    • si possono avere dolori nella parte bassa della schiena;
    • un utero ingrossato fa pressione sui vasi sanguigni, il che interferisce con la circolazione del sangue e può causare ipossia nel feto e gonfiore delle gambe della madre;
    • l’utero fa pressione sulla vescica e sull’intestino, il che aumenta lo stimolo a urinare per le donne incinte.

    Per permettere al corpo di rilassarsi durante la notte in una posizione comoda, è molto efficace mettere sotto diverse parti (stomaco, ginocchia, gambe, schiena) tutti i tipi di cuscini di diverse forme e dimensioni, che sono ora in vendita. Il principale criterio di selezione è che deve essere comodo.

    I migliori regali per voi:

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

    error: Content is protected !!