Come avviene l’autorilassamento

    Come ho detto nel precedente articolo, in questa tecnica la mente rimane vigile ed attenta. Questa condizione è fondamentale, perché altrimenti, se la mente si addormenta, cade nel sonno incosciente.
    Sicuramente avete sperimentato di persona che non è facile tenere la mente concentrata ed attenta per troppi minuti, in genere essa tende a sfuggirci e a volare con la fantasia su questo o quell’altro pensiero.
    Ancora una volta ci viene in aiuto la costanza e la pratica: più ci esercitiamo più sarà facile osservare il flusso delle immagini senza perdere il loro controllo, che significherebbe sprofondare nel sonno incosciente.
    Come ho già espresso l’importante è restare vigili, cercando di essere degli osservatori attenti alle nostre fantasie e dei nostri pensieri.
    Il training autogeno offre una valida alternativa per eliminare gli stati squilibrio psicofisici per mezzo dell’autocontrollo e della forza di volontà.

    Chiudete gli occhi e fate dei respiri profondi ed ampi, ascoltate il vostro respiro, sentite l’aria che entra ed esce dal vostro corpo e rilassatevi sempre di più.
    Sentite a mano a mano che i muscoli del vostro corpo diventano sempre più rilassati, continuate a respirare profondamente e regolarmente.
    Mentre il vostro corpo diventa sempre più rilassato, iniziate a concentrare il vostro pensiero ad un immagine – un ricordo a voi molto piacevole molto rilassante.
    Continuate a mantenere il vostro respiro profondo e regolare e la vostra mente totalmente concentrata su un immagine, un ricordo.
    E’ molto bella piacevole rilassante. Il vostro respiro è calmo e regolare e la vostra mente è totalmente concentrata su questa immagine.
    Una piacevole sensazione di tranquillità invade il vostro corpo e la vostra mente.

    Questo allenamento va effettuato almeno due volte al giorno, per far sì che quando dovrete realizzarlo durante il travaglio il vostro livello di auto concentrazione sarà ottimale.
    Molto importante è scegliere una immagine a cui voi siete molto legati e sviluppate tutto il vostro allenamento sempre sulla stessa immagine, elemento importante poiché producendo questo tipo di allenamento per alcune settimane precedenti il parto sarete opportunamente allenate ed mentalmente pronte a gestire la tensione che la paura vi produce.

    Buon allenamento.

    Dott. Maria Bernabeo

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *