Vai al contenuto

Come sapere quando è il momento di andare al reparto maternità: i principali segni premonitori del travaglio

    Scopri le nostre idee regalo per Uomo, Donna, Bambina et Bambino, Ragazza et Ragazzo.

    In quale giorno inizia la nascita

    È impossibile prevedere il giorno esatto in cui nascerà il suo bambino, né nella sua prima gravidanza, né nelle gravidanze successive.

    Statisticamente sappiamo che la maggior parte delle donne partorisce alla data prevista (data di scadenza), che è di 40 settimane di gravidanza. Questa data può essere regolata in base alle ecografie eseguite nel primo trimestre di gravidanza (un’ecografia eseguita a 7-8-9 settimane di gravidanza è l’indicatore più preciso di quando preparare il parto). Le statistiche dicono che più della metà delle donne che non partoriscono alla data prevista partoriscono durante il giorno successivo della 41a settimana (i primi tre giorni). Anche questo è assolutamente normale!

    Sappiamo anche che un bambino nato alla 38a settimana di gravidanza non è considerato prematuro, ma a termine. È pronto per la sua nuova vita.

    Quali cambiamenti nel corpo indicano che la donna è pronta a partorire

    I cambiamenti nel corpo di una donna che la preparano al travaglio iniziano nelle prime settimane di gravidanza. All’inizio, questi cambiamenti sono più mirati a portare il bambino, e già nel terzo trimestre di gravidanza questi cambiamenti iniziano a portare il corpo della donna più vicino al travaglio.

    Sotto l’influenza di vari ormoni (non solo progesterone, ma anche relaxina) l’apparato legamentoso si ammorbidisce, il tessuto del canale del parto diventa sanguinolento e un po’ allentato. Alcune settimane prima della nascita del bambino, la cervice della donna si accorcia, si ammorbidisce e può cambiare leggermente la sua posizione (diventa centrata). Il rapporto progesterone-estrogeni cambia a favore degli estrogeni.

    Come la donna può sentire che il travaglio sta per iniziare

    I cosiddetti segni premonitori del travaglio possono variare da donna a donna.

    Essi includono principalmente:

    • Formazione delle contrazioni (questo può accadere di solito qualche settimana prima dell’inizio del travaglio);
    • dolori al perineo, alla zona lombosacrale, all’interno delle cosce e ai muscoli;
    • aumento della stanchezza (alla fine della gravidanza la madre in attesa vuole sempre più riposare durante il giorno);
    • disturbi del sonno (nelle settimane prima della nascita del bambino è molto difficile per una donna trovare la posizione migliore per se stessa);
    • naso chiuso.

    I segni premonitori del travaglio sono diversi, a seconda che si tratti del primo o del secondo parto?

    Nella prima gravidanza e nelle gravidanze successive, i fori non differiscono generalmente.

    Lo stato psico-emotivo delle donne che hanno partorito è leggermente diverso. Il secondo parto di solito segue uno scenario più tranquillo, perché la donna è più rilassata riguardo ai cambiamenti che avvengono nel suo corpo.
    Più tempo passa tra una nascita e l’altra, meno vividi diventano i ricordi positivi, e in più si aggiungono alcune condizioni di salute che possono influenzare il benessere della donna (soprattutto alla fine della gravidanza).

    Oggettivamente, come il corpo di una donna si prepara per la prima nascita, così si prepara per tutte le nascite successive. Ma la valutazione di queste “preparazioni” e sentimenti è una questione individuale.

    Le donne che hanno partorito hanno diversi stati psico-emotivi. Il secondo parto di solito si svolge secondo uno scenario più calmo, perché la donna è più rilassata riguardo ai cambiamenti che avvengono nel suo corpo.
    Più tempo passa tra una nascita e l’altra, meno vividi diventano i ricordi positivi, e in più si aggiungono alcune condizioni di salute che possono influenzare il benessere della donna (soprattutto alla fine della gravidanza).
    Oggettivamente, come il corpo di una donna si prepara per la prima nascita, così si prepara per tutte le nascite successive. La valutazione di queste “preparazioni” e sentimenti è una questione individuale.

    Cambiamenti nel benessere pochi giorni prima del travaglio

    Quali cambiamenti nella sensazione di benessere alcuni giorni prima del travaglio sono normali

    Più ci si avvicina al travaglio, più spesso la donna deve fare pipì. Questo è dovuto alla pressione sulla vescica che il bambino grande sta “organizzando”.

    Per quanto riguarda un “segno” come l’affondamento dell’addome, allora c’è tutto mescolato.
    In primo luogo, qualcuno noterà che l’addome si sta abbassando, e qualcuno no. In secondo luogo, tutto dipende dal fatto che l’intestino sia disteso o meno, che la donna sia stitica o meno. Ad oggi, non siamo quasi mai guidati da questo segno (abbassamento dell’addome).

    C’è un’altra caratteristica interessante. Un cambiamento nelle feci della futura mamma può indicare che il travaglio sta per iniziare.

    Il parto può iniziare con feci sciolte, perché sotto l’influenza degli ormoni (prostaglandine, che sono coinvolte nell’apertura della cervice e nella contrazione dell’utero), anche l’intestino si contrae. A volte la donna non si accorge delle prime contrazioni, ma inizia a fare pipì e pisciare più spesso – un segno che il parto avverrà nelle prossime 24 ore.

    Quali cambiamenti nel tuo benessere qualche tempo prima dell’arrivo del tuo bambino dovrebbero metterti in guardia?

    Ce ne sono diversi:

    • Scarico scarlatto (sanguinolento) dal tratto genitale;
    • Tachicardia;
    • Grave gonfiore;
    • Dolore addominale grave e severo;
    • Grave aumento della pressione sanguigna;
    • Dolore dietro lo sterno;
    • Colore opaco dell’acqua rotta (marrone o verde).

    Come distinguere tra il vero travaglio e le contrazioni da allenamento

    Verso la data di scadenza (di solito alla fine della gravidanza) le donne iniziano a sperimentare dolori di travaglio a intermittenza. È simile a quello che una donna sperimenta nei primi giorni delle sue mestruazioni. È un dolore strattonante che può essere nel basso ventre, una sensazione di tensione come se l’utero si stesse irrigidendo.

    Alcune persone possono sperimentare questa sensazione alcune settimane prima del parto, mentre altre possono notarla anche nella 30a settimana di gravidanza.

    Le vere contrazioni sono facili da distinguere dalle false contrazioni: le vere contrazioni si intensificano e diventano più regolari in poche ore.

    Se una donna ha l’addome stretto, va a letto e si sveglia la mattina e si sente bene, non ha superato il parto. E se la sera l’addome e la parte bassa della schiena iniziano a stringere (e a questo punto il travaglio inizia davvero), allora si sveglierà sicuramente di notte – queste sensazioni dolorose diventano più palpabili, o le si romperanno le acque.
    Quindi il criterio più importante è che l’intensità del dolore nelle contrazioni reali aumenterà durante diverse ore.

    Quanto dura il processo del parto

    Anche questo varia su base individuale. Ci sono molti fattori che influenzano la durata del processo di nascita: l’età della donna, il suo stato psico-emotivo, come è andata la gravidanza (se ci sono complicazioni o meno) e le caratteristiche naturali.

    Ci sono donne che partoriscono rapidamente e facilmente. Ci sono donne che hanno complicazioni durante la gravidanza e partoriscono con difficoltà.

    Solo un medico può rispondere alla domanda se una donna è in travaglio o no, quando guarda la donna sulla sedia, conduce un esame vaginale, valuta lo stato del canale del parto e della cervice.
    Ricorda com’è il processo di nascita.

    Consiste in tre periodi:

    • l’apertura della cervice;
    • la nascita del bambino;
    • nascita della placenta dopo il parto.

    Il primo parto e quelli successivi hanno una durata diversa.
    Il primo travaglio richiede generalmente più tempo e può essere più faticoso per la donna. Il secondo e i successivi parti, se tutto va bene, sono molto più facili.

    La donna può sentire le contrazioni molto presto (possono essere molto dolorose). Ma un esame vaginale mostra che l’apertura della cervice è ancora all’inizio, quindi si è preoccupata presto.
    E ci sono casi in cui la natura ha dato alla donna un parto facile. In queste donne, possono passare fino a 5 ore dall’inizio delle contrazioni alla nascita del bambino.

    Lo scenario di nascita più fisiologico e normale è quando iniziano le contrazioni, l’utero si apre gradualmente e il tappo di muco viene spinto via. In media, l’intero processo dall’inizio dell’apertura alla nascita del bambino è considerato come un processo di circa 10-14 ore nel primo parto.

    I migliori regali per voi:

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

    error: Content is protected !!