Vai al contenuto

Nomi maschili germanici

    Scopri le nostre idee regalo per Uomo, Donna, Bambina et Bambino, Ragazza et Ragazzo.

    Nomi maschili germanici che iniziano con la A

    Aleardo – il nome deriva dal latino Aleardus e significa ‘amante del rischio’. Il significato del nome non sempre rispecchia l’animo di chi lo porta. L’onomastico si festeggia il 1° novembre essendo un nome adespota. La sua personalità è ambigua e volubile, Aleardo è un fuggitivo che non si fa comprendere; ama circondarsi di tante persone e la sua compagnia risulta piacevole, ma non parla mai dei suoi interessi o progetti ed evita di rispondere alle domande personali.

    Aldwin – l’uomo preferito

    Aleramo – di origine germanica, l’etimologia di questo nome ha dato luogo a diverse interpretazioni. Analizzando la prima parte del nome, il termine Ale potrebbe derivare sia dal tedesco antico Ala, con significato di ‘tutto’, ma anche da Alda, qualora si consideri la forma antica Aledramo, con significato di ‘vecchio, nobile’. Tra le ipotesi più attendibili c’è anche quella derivante da Alderamo o Adelramo, che richiama il termine Halith, ossia ‘guerriero’, la cui etimologia è da ricercare nei vocaboli degli antichi canti epici del IX secolo. La seconda parte del nome deriva sicuramente da Hraban, che significa ‘corvo’, e ha un’accezione positiva, dato che per gli antichi germani il corvo era un uccello sacro a Odino. Accostando quindi i due termini, il significato complessivo che si attribuisce al nome Aleramo è quello di ‘corvo guerriero’, scaltro combattente dalle eroiche virtù. Essendo un nome adespota può essere festeggiato il 1° novembre. Forte, determinato e curioso, Aleramo è un personaggio poliedrico che riesce a combinare la sua serietà con la più spensierata allegria, da cui nasce il suo costante ottimismo.

    Alfonso – il nome deriva dall’antico tedesco Hindefuns, che significa ‘pronto alla battaglia’. E’ stato un nome molto usato dai re: tredici sul trono delle Asturie, di Leon e di Castiglia, cinque re di Aragona, tre re di Portogallo, due re aragonesi di Napoli. Alfonso si festeggia il 1° agosto in ricordo di Sant’Alfonso Maria de’ Liguori vescovo e fondatore della Congregazione del Santissimo Redentore, morto nel 1787. II Santo è patrono dei confessori, dei moralisti, di Agrigento e di Napoli. Lo si invoca contro l’artrite, i reumi e la gotta. Alfonsa invece, e il più frequente Alfonsina, festeggiano il loro onomastico il 31 luglio, in ricordo di Alfonsa Eppinger. Alfonso è un uomo molto riflessivo, capace di pensieri profondi sulla vita, per questo viene spesso considerato un filosofo; è molto legato alla famiglia, è un compagno fedele in amore e un compare divertente con gli amici.

    Alfiero – deriva dall’antico tedesco con significato di ‘nobile capo’. L’onomastico si festeggia il 12 aprile in ricordo di Sant’Alfiero, detto Alferio di La Cava morto nel 1050. Alfiero è una persona cristallina, trasparente, a cui si legge chiaramente in faccia cosa pensa; positivo ed ottimista, incoraggia gli amici e le persone care ad inseguire i propri sogni, cosa che fa anche lui, mettendo grinta e coraggio nei suoi progetti.

    Aldrin – quello che si affeziona

    Adalardo – adalardo è la forma alternativa di Adelardo. Entrambi questi nomi maschili hanno origine germanica e significano ‘nobile e audace’; derivano infatti dall’antico nome Adalhard composto dalle parole Adal, cioè ‘nobile’, e Hard che significa ‘coraggioso’. L’onomastico ricorre il 2 gennaio in memoria di Sant’Adelardo, abate di Corbie. Adalardo è una persona coraggiosa, non conosce la paura. Si cimenta in ogni tipo di attività senza remore o timori. Predilige uno stile di vita semplice ed essenziale. Le cose che ama di più sono la famiglia e la buona cucina, per la quale ha un gran debole.

    Adalberto – e’ un nome maschile antichissimo di origine germanica e tradizione longobarda che significa ‘uomo di illustre nobiltà’. L’onomastico viene festeggiato il 23 aprile, in onore di Sant’Adalberto Voytech, martire nel 983, vescovo di Praga e apostolo in Prussia. è una persona risoluta, con grandi doti organizzative e uno spiccato senso dell’umorismo; nei rapporti relazionali si dimostra molto umano con tutti e particolarmente affettuoso con la sua famiglia.

    Abelardo – nome maschile diffuso soprattutto al Nord la cui etimologia deriva dal tedesco Ebar e Hart che significa ‘principe coraggioso’. Questo nome è legato al filosofo medioevale del XII sec. celebre oltre che per gli studi filosofici anche per il suo tormentato amore per Eloisa. In seguito ad un contrasto con lo zio della giovane fu evirato da alcuni emissari di questi. L’onomastico si festeggia il 1° novembre. è la pigrizia fatta a persona, ha poco spirito di iniziativa e ha bisogno di essere spronato a lungo prima di fare qualcosa. Si accontenta facilmente e prova piacere anche con le piccole cose, non ha quindi grandi pretese.

    Aldric – colui che guida, che comanda

    Aldo – dal germanico: saggio, esperto, vecchio, bello

    Aliaume – quello che nasconde il fuoco

    Alvise – il saggio della casa

    Alrick – quello che monta il cavallo

    Amatore – nome maschile di origine gallica e dal significato ovvio. E’ anche usato nella forma femminile, Amatrice. L’onomastico viene festeggiato il 1° maggio in ricordo di Sant’Amatore, vescovo di Francia. Amatore è dotato di tante buone qualità, dalla tenerezza alla dolcezza e dalla generosità alla sensibilità. Adora la natura e tutti i suoi esseri viventi perché in essa ritrova una grande pace interiore.

    Americo – dal germanico: potente nella sua patria

    Amelien – quello che passa, quello che schiaccia

    Alric – colui che brilla

    Almerico – dal germanico: potente nella sua patria

    Alighiero – deriva dal tedesco Aldiger, composto da Ald che significa ‘esperto’ e da Gaira che vuol dire ‘lancia’. Il suo significato è ‘spezza la lancia per la sua nobile progenie’. L’onomastico si festeggia il 1° novembre perché è un nome adespota. Si tratta di una persona decisamente metodica, che applica sempre la teoria per venire a capo di un problema che gli si presenta nella realtà di tutti i giorni; il suo senso del dovere è impeccabile e questo lo rende una persona affidabile.

    Almyre – l’uomo che cerca

    Alphonse – nome maschile francese noto in Italia come Alfonso; l’origine è germanica: deriva infatti dall’antica parola tedesca Hindefuns che significa ‘pronto alla battaglia, valoroso’. L’onomastico si festeggia il 1° agosto in ricordo di Sant’Alfonso Maria de’ Liguori vescovo e fondatore della Congregazione del Santissimo Redentore. Alphonse è un uomo molto riflessivo, capace di pensieri profondi sulla vita, per questo viene spesso considerato un filosofo; è molto legato alla famiglia, è un compagno fedele in amore e un compare divertente con gli amici.

    Aloys – l’uomo del cuore

    Ademaro – nome di origine tedesca, probabilmente derivato dall’antico Hadu e Mar che significa ‘glorioso in battaglia’. L’onomastico si festeggia il 1° novembre. è un uomo un po’ ombroso, che si presenta spesso col viso corrucciato, ma dietro questa maschera si nasconde una brava persona che ha bisogno di affetto; Ademaro è una persona su cui gli amici possono sempre contare e un compagno fedele.

    Ademar – colui che porta la vita, che conduce la vita

    Adhemar – quello che nasconde il fuoco

    Aimar – il fiore segreto della Terra

    Agatino – diminutivo di Agata: dal germanico: buona / virtuosa. Diminutivo Agatina

    Adelmo – adelmo è un nome maschile derivante dal tedesco Ath e Helm e significa ‘nobile protettore’. L’onomastico si festeggia il 25 maggio in ricordo del Santo e poeta Adelmo vescovo di Sherborne, morto nel 708. Una curiosità di questo nome è che è composto da lettere che, leggendo da sinistra a destra, seguono un ordine alfabetico. Adelmo è una persona molto intuitiva che ha fiuto per gli affari; nutre un notevole interesse per la finanza e agli occhi degli altri risulta l’imprenditore di se stesso.

    Adelardo – nome maschile di origine germanica che significa ‘nobile e audace’; deriva infatti dall’antico nome Adalhard composto dalle parole Adal, cioè ‘nobile’, e Hard che significa ‘coraggioso’. E’ nota, seppur poco diffusa, la sua variante Adalardo, che ha quindi lo stesso significato. L’onomastico ricorre il 2 gennaio in memoria di Sant’Adelardo, abate di Corbie. Adelardo è una persona coraggiosa, non conosce la paura. Si cimenta in ogni tipo di attività senza remore o timori. Predilige uno stile di vita semplice ed essenziale. Le cose che ama di più sono la famiglia e la buona cucina, per la quale ha un gran debole.

    Addo – versione maschile del nome Ada, di origine tedesca, che deriva dalla parola Athal e che significa ‘padre, discendenza’ e quindi, ‘nobile stirpe’. E’ però considerato anche nome di origine ebraica con significato di ‘ornamento’. L’onomastico può essere festeggiato lo stesso giorno di Ada, in ricordo di Santa Ada, badessa di Soissons. Si tratta di una persona estremamente gentile e generosa; si confronta con eleganza e raffinatezza con le persone cui presta sempre particolare riguardo. E’ attento e fedele in amore come nelle amicizie.

    Adelgardo – poco diffuso in Italia, questo nome maschile ha origine germanica ed è composto dai due termini Adel, che in tedesco significa ‘nobiltà, ricchezza’, e Gard da ‘guard’, che può essere tradotto come ‘protettore’, in riferimento alla casa e alla famiglia. Pertanto il significato che gli si attribuisce è quello di ‘custode della nobiltà’. Essendo un nome adespota può essere festeggiato il 1° novembre. Dalla personalità misteriosa e cupa è una persona molto rispettosa e distinta, ma allo stesso tempo attenta alle questioni che riguardano la famiglia e gli amici, per i quali dispensa costantemente il suo innato e forte istinto di protezione.

    Adelio – variante del nome maschile Adelo, presente anche nella versione alterata Adelino. Con il significato di ‘figlio nobile’, derivato dalla traduzione del tedesco Adal, il nome si è diffuso ampiamente in Lombardia, dall’antica tradizione fràncone, a partire della fine del 1800. L’onomastico si festeggia lo stesso giorno di Adele, ovvero il 24 dicembre, in onore di Sant’Adele imperatrice, moglie di Baldovino IV di Fiandra. è un uomo molto spiritoso, a cui piace scherzare e sdrammatizzare con una battuta umoristica le situazioni caratterizzate da una grande tensione; in amore come in amicizia non gli si può rimproverare niente, è sempre presente e disponibile.

    Adelino – fra 6 giorni, in data 03 febbraio , si festeggia l’ onomastico di Adelino. è un uomo molto spiritoso, a cui piace scherzare e sdrammatizzare con una battuta umoristica le situazioni caratterizzate da una grande tensione; in amore come in amicizia non gli si può rimproverare niente, è sempre presente e disponibile.

    Aimard – colui che guida, che comanda

    Albert – voce tedesca, ma anche inglese e francese del nome italiano Alberto, forma breve di Adalberto. L’origine è longobarda e trova il suo significato in ‘uomo illustre per nobiltà’. Vi è un gran numero di personaggi che si sono distinti in passato per le loro storie e gesta e lo stesso vi sono molti giorni in cui ricorre un Sant’Alberto: per esempio il 15 Novembre si festeggia Sant’Alberto Magno maestro di Tommaso d’Aquino. Modesto e gentile, ama dimostrare velatamente agli altri le sue capacità intellettuali e abilità. La sua voglia di eccellere riesce spesso ad attuarsi brillantemente, permettendogli di raggiungere il successo e la notorietà ai quali aspira.

    Alary – colui che giudica

    Alberto – dal germanico: di illustre nobilta’, famoso (in inglese Albert)

    Alderic – colui che sostiene il mondo

    Aldemar – l’uomo oscuro

    Aimone – deriva dal sassone Hagimund e significa ‘difende la casa con la spada’. In passato molti nobili e conti sabaudi venivano battezzati con questo nome. L’onomastico si festeggia il 18 agosto, in memoria di Sant’Aimone Taparelli morto nel 1435. Aimone è un creativo nato a cui piace attirare l’attenzione, infatti predilige abiti dai colori sgargianti e gesticola molto quando parla ed illustra le sue idee, le quali sono tutte sorprendentemente innovative.

    Aimeric – l’uomo preferito

    Aimeri – quello che si affeziona

    Adalric – colui che aspetta

    Aimo – dal germanico: casa, patria

    Adalgiso – deriva dall’antico tedesco Adal e Gisal e significa ‘nobile ostaggio’. L’onomastico di Adalgiso si celebra il 7 ottobre in ricordo di Sant’Adalgiso vescovo di Novara nel IX secolo, mentre quello di Adalgisa viene festeggiato il 20 aprile in ricordo di Santa Adalgisa vergine. Persona che non tollera la falsità e la menzogna, cerca e promuove infatti la lealtà in ogni situazione o rapporto; Adalgiso è un osservatore silenzioso che studia i comportamenti degli altri da lontano.

    Aymeri – quello che si affeziona

    Aymeric – l’uomo preferito

    Audoric – colui che insegna

    Aymar – colui che guida, che comanda

    Armen – colui che porta il mondo

    Armando – deriva dall’antico tedesco heer e mand e significa ‘uomo/donna ardito/ardita’. L’onomastico viene festeggiato il 23 gennaio in ricordo del beato Hartmannus, vescovo di Bressanone e fondatore del convento di Novacella morto nel 1165. Armando è un uomo molto simpatico, dotato di ironia, ma soprattutto autoironia; gli piace osservare il mondo ed esprimere i suoi pensieri sotto forma di poesie e racconti. In famiglia, come sul posto di lavoro, rappresenta il punto di riferimento per molte persone.

    Aymerick – colui che aspetta

    Ansaldo – poco diffuso in Italia, il nome deriva dall’antico tedesco Ansowald ed è composto dai termini “ansa”, che significa “Dio” e “walda”, che vuol dire “potenza”. Pertanto il significato complessivo del nome può essere “domina come Dio” oppure “potente per volere divino”. Trattandosi di un nome adespota può essere festeggiato il 1° novembre. Ha una duplice natura, talvolta tende a manifestare la sua autorità e la sua forza, ma allo stesso tempo non nasconde i suoi punti deboli, cercando coraggio e consenso dagli altri. La generosità e la fedeltà sono i suoi più grandi pregi.

    Arnold – voce inglese del nome italiano Arnaldo/ Arnoldo che in francese suona come Arnauld. L’etimologia è il tedesco antico e il significato è ‘forte come un’aquila’. L’onomastico cade il 27 Luglio in memoria di San Arnaldo Umberto, patrono dei barcaioli. Arnaldo è un tipo virile ed estroverso; conosce il senso della responsabilità, il valore del sacrificio ed è molto abile a semplificare cose e situazioni. E’ leale e coraggioso, protettivo nei confronti della famiglia, con la quale si dimostra talvolta molto esigente.

    Arnoul – colui che detiene la parola

    Arnael – quello che passa, quello che schiaccia

    Arnaldo – dal germanico: aquila che regna / aquila protettrice

    Arrigo – di origine tedesca, significa ‘possente in patria’. Si festeggia tradizionalmente il 4 novembre in ricordo di Sant’Arrigo figlio di Santo Stefano re di Ungheria. Trattasi di un uomo molto chiuso e riservato, che difficilmente si apre e scherza in compagnia; Arrigo preferisce dare la sua fiducia a poche intime persone, senza per contro dare loro qualcosa in cambio. Ha bisogno di sostegno ed attenzione, ma raramente lui dà questo
    genere di cose ai suoi cari.

    Auderic – colui che viene

    Arnould – colui che passa

    Aroldo – nome d’origine tedesca che significa ‘dominante come l’aquila’. L’onomastico si festeggia tradizionalmente il 1° novembre in ricordo di Sant’Aroldo detto ‘dente azzurro’ primo re cristiano di Danimarca. Le caratteristiche principali del suo carattere sono: dignità, contegno, forma e apparenza. è una persona forte e impetuosa; è infatti dotato di una grande irruenza che lo portano spesso a scontrarsi con le persone più calme e razionali; in fondo è una persona semplice che va saputa gestire con la dovuta pazienza.

    Armandin – uno che vive in due mondi

    Anseric – l’uomo che genera

    Anselmo – deriva dall’antico tedesco e significa ‘elmo di Dio’. L’onomastico si festeggia il 21 aprile in memoria di Sant’Anselmo nativo di Aosta, arcivescovo di Canterbury, dottore della Chiesa, morto nel 1109. è una persona spigliata, flessibile e disponibile; è molto brava ad organizzarsi e per questo fa sempre più del dovuto; la sua compagnia è piacevole e i suoi consigli sono sensati, utili.

    Antheaume – l’uomo preoccupato

    Antel – colui che annuncia la primavera

    Ansbert – l’uomo solitario

    Andelin – l’uomo oscuro

    Anakin – il nome Anakin è uno dei primi nomi abbastanza rari in Francia al momento. Negli ultimi 20 anni, la popolarità del nome Anakin è rimasta stabile. I tre anni migliori del nome Anakin sono stati il ​​2012, 2006 e 2008, con 32, 28 e 28 bambini nominati come tali.

    Amerigo – il nome è di origine tedesca, deriva infatti dal germanico Haimrich e significa ‘signore nella sua patria’. L’onomastico si festeggia il 15 luglio in ricordo di Sant’Amerigo confessore a Bamberga. Dal nome di Amerigo Vespucci è stato dato il nome al continente americano. Amerigo non ama calcoli e compromessi, e agisce quasi sempre secondo l’impulso, seguendo istinto e intuito, anche a costo di sbagliare. Il suo coraggio è però sempre costante e non si dà mai per vinto.

    Anky – colui che passa

    Ariosto – deriva dal tedesco hari e host, significa ‘pronto guerriero’. L’onomastico si festeggia il 22 febbraio in ricordo di Sant’Ariosto, uno dei discepoli di Gesù. è una persona molto precisa, attenta alla forma con cui si esprime; è altresì una persona disciplinata, rigorosa, che porta a termine tutti i compiti assegnati. La sua vita sociale e familiare sono la sua principale fonte di gioia.

    Archie – trattasi della versione abbreviata del nome maschile Archibald che significa “coraggioso” e che corrisponde al nostro Arcibaldo. L’origine del nome è tedesca e l’onomastico si può festeggiare il giorno 27 marzo in onore di Sant’Arcibaldo. è un grande oratore, molto spigliato ed estroverso; per questo risulta simpatico a tutti; nella vita privata e familiare però mostra meno apertura ed è particolarmente esigente.

    Arcibaldo – iI nome ha origine tedesca e significa ‘franco e gagliardo’. Estroverso per natura, raramenti riesce a essere fedele in un rapporto d’amore; tuttavia le sue meravigliose avventure galanti sono materiale divertente e piccante nelle sue conversazioni tra amici. L’onomastico si festeggia il 27 marzo in ricordo di Sant’Arcibaldo. è un grande oratore, molto spigliato ed estroverso; per questo risulta simpatico a tutti; nella vita privata e familiare però mostra meno apertura ed è particolarmente esigente.

    Araldo – araldo è una variante del nome Aroldo, il quale risale ad un antico nome germanico composto da ‘hari’ e ‘vald’ che significano rispettivamente esercito e capo; per questo la sua traduzione si rintraccia in ‘capo dell’esercito’. L’onomastico di Araldo ed Aroldo si festeggia il 1°novembre in ricordo di sant’Aroldo I di Danimarca, re di Danimarca e martire. è una persona forte e impetuosa; è infatti dotato di una grande irruenza che lo portano spesso a scontrarsi con le persone più calme e razionali; in fondo è una persona semplice che va saputa gestire con la dovuta pazienza.

    Anthelme – quello che sorride

    Anthime – uno che vive in due elementi

    Antime – colui che governa la terra

    Nomi maschili germanici che iniziano con la B

    Baldo – diminutivo di Baldovino, nome di origine germanica, vuol dire “valoroso, coraggioso”

    Baldovino – dal germanico: il compagno ardito / pieno di coraggio

    Baldwin – nome di origine germanica che significa ‘amico audace’ e che è molto diffuso in Belgio: la famiglia dei regnanti tradizionalmente si chiama Baldovino, come si traduce noi in Italia. L’onomastico si festeggia il 21 Agosto in onore di san Baldovino abate cistercense di San Pastore, vissuto nel XII secolo. è un edonista che cura molto il suo aspetto fisico in quanto ritiene che sia il principale biglietto da visita di una persona; ama le auto sportive, le uscite con gli amici e fare tardi la sera.

    Bianco – dal germanico: dal colore della carnagione

    Bonaldo – nome maschile italiano utilizzato anche nella variante Bonoaldo, talvolta erroneamente considerato composto da Bono e Aldo. La sua origine è in realtà germanica e derivata dai temini ‘bon’, ovvero ‘uccisore’ e ‘vald’, che vuole dire ‘dominare’, pertanto il suo significato è ‘difensore’. L’onomastico di Bonaldo può essere festeggiato il 1 novembre, in occasione di Ognissanti. Bonaldo è una persona determinata, appassionata di avventure, scoperte e novità. Razionale ed intelligente è molto stratega e cerca di pianificare nei dettagli tutte le sue attività; in amicizia è leale e in amore passionale.

    Bertolfo – bertolfo è un nome maschile di origine germanica; deriva infatti dall’unione delle parole ‘berth’ e ‘wulf’ che significano rispettivamente ‘famoso’ e ‘lupo’. La traduzione letteraria di questo nome sarebbe quindi ‘lupo famoso’, ma in senso lato si può abbracciare anche ‘illustre guerriero’. L’onomastico si festeggia il 19 agosto in onore di san Bertolfo, monaco a Luxeuil. Bertolfo è un uomo molto deciso ed autoritario, non accetta di buon grado i consigli, ma tende invece ad impartire ordini; gli piacciono gli sport estremi e gli animali domestici.

    Bertrand – dal germanico: illustre scudo/corvo

    Brunetto – diminutivo di Bruno, allusivo al colore della carnagione

    Bruno – allusivo al colore della carnagione

    Brando – derivato dall’antico tedesco “brant” che, in riferimento alla spada lucente che brilla, significa “risplende come il carbone ardente”, Brando è altresì legato ai termini del tedesco moderno “brand”, ossia “fuoco” e “brennen” che significa “bruciare”. Calma e paziente, la persona che porta questo nome nasconde una grinta da vendere. Spinta da una grande carica emotiva è capace di lottare ardentemente per raggiungere i suoi obiettivi.

    Brunello – deriva da Bruno (allusivo al colore della carnagione)

    Beno – dal germanico: gamba

    Berardo – trattasi di un nome maschile molto elegante, ma scarsamente utilizzato. Si considera spesso come variante di Eberardo oppure Bernardo, ma in realtà è un nome a parte, che ha un significato tutto suo. L’origine di Berardo è germanica, deriva dalle parole ‘bar’ e ‘hart’ che significano rispettivamente ‘orso’ e ‘forte, possente’; per questo il suo significato è ‘forte come un orso’. Insieme a Pietro, Otone, Accursio e Adiuto, Berardo fu uno dei primi martiri francescani. L’onomastico viene festeggiato il 16 gennaio in ricordo appunto di san Berardo frate minore, che morì nel 1226 in Marocco, dove era stato mandato da San Francesco. Berardo è una persona colta, dotata di un eccellente spirito di osservazione; non ama stare al centro dell’attenzione e solitamente sta in silenzio, ma quando si ritrova insieme a molte persone non gli mancano mai gli argomenti per conversare.

    Beltramo – nome maschile italiano utilizzato anche nella variante Beltrame, talvolta erroneamente confuso con Bertrando. La sua origine è germanica e derivata dai temini ‘berht’, ovvero ‘brillante’ e ‘hramn’, che vuole dire ‘corvo’, pertanto il suo significato è ‘corvo illustre’ e quindi in senso più ampio ‘splendente come un corvo’ L’onomastico di Bonaldo può essere festeggiato il 9 settembre, in ricordo dell’eremita e santo Bettelin, chiamato anche Bertram. Beltramo è una persona raffinata e astuta, caratterizzata da una particolare sensibilità. Generoso e accondiscendente si impegna al massimo per risolvere problemi, in particolare quelli che coinvolgono la sua famiglia.

    Benny – da Berbardo dal germanico: ardito come un orso

    Berto – dal germanico: la splendida

    Bertoldo – dal germanico: illustre, potente nel comando

    Bernardino – dal germanico: ardito come un orso

    Bernardo – dal germanico: ardito come un orso

    Nomi maschili germanici che iniziano con la C

    Charlie – da Carlo dal germanico: forte, virile

    Checco – nome maschile diminutivo di Francesco e di uguale significato. L’onomastico si festeggia il 5 Agosto in memoria di Beato Francesco Zanferdin, conosciuto come San Cecco da Pesaro e morto nel 1350. è un grande amico che ascolta e aiuta sempre gli altri. E’ molto rigoroso e organizzato; grande è l’impegno che mette nelle cose che è chiamato a compiere. Ha interessi precisi, ma ama informarsi un po’ su tutto.

    Cecco – nome maschile diminutivo di Francesco e di uguale significato. L’onomastico si festeggia il 5 Agosto in memoria di Beato Francesco Zanferdin, conosciuto come San Cecco da Pesaro e morto nel 1350. è un grande amico che ascolta e aiuta sempre gli altri. E’ molto rigoroso e organizzato; grande è l’impegno che mette nelle cose che è chiamato a compiere. Ha interessi precisi, ma ama informarsi un po’ su tutto.

    Charles – derivato dal tedesco “karl”, il nome maschile Charles, significa “uomo libero”, sebbene una teoria alternativa affermi la sua provenienza da “hari” che vuol dire “guerriero dell’esercito”. In Italia corrisponde alla variante “Carlo”, da Carlo Magno (742-814), re dei Franchi che dominò gran parte dell’Europa. Il nome divenne poi comune in Gran Bretagna a partire dal 1600, introdotto dal re Carlo I Stuart. L’onomastico è generalmente festeggiato il 4 novembre, in memoria di San Carlo Borromeo, arcivescovo cattolico e cardinale italiano. Nutre un forte interesse verso gli altri e porta serenità e allegria negli ambienti che frequenta, tralasciando talvolta i suoi interessi per il benessere altrui. E’ una persona più unica che rara, dall’interiorità dolce e ricca di poesia.

    Corrado – il nome maschile ha origine tedesca e significa ‘il consigliere audace’. Questo nome fu portato da parecchi imperatori tra cui ricordiamo: alcuni imperatori di Svevia, Corrado II di Salico, il crociato marchese di Monferrato, che fu re di Tirio, e in tempi recenti lo scrittore Alvaro e anche il noto presentatore televisivo Mantoni. L’onomastico si festeggia il 19 febbraio in ricordo del Santo francescano Confalonieri eremita, nato nel 1290 da una nobile famiglia di Piacenza e morto nel 1351 in un monastero della Sicilia. E’ patrono dei cacciatori. Viene usato anche il diminutivo di Corrado, Corradino. Trattasi di una persona decisa, che sa quello che vuole; non ama le complicazioni e trova sempre il modo di evitare intoppi. Molto previdente, è in grado di dare validi consigli agli amici, ma la sua migliore qualità è il temperamento incrollabile.

    Curzio – dal germanico: corto

    Clodoveo – il nome deriva dall’antico francese Cloevis latinizzato in Clodovaeus, corrispondente a Lodovico, ossia Luigi. Si festeggia l’onomastico il 25 agosto in ricordo di San Lodovico o Ludovico più conosciuto come San Luigi re dei francesi. Ha un’anima inquieta che non si da mai pace; profondamente curioso, ha l’impressione che non gli basti una vita intera per fare tutto quello che più gli piace. Ha una grande passione per lo studio e per lo sport e passa molto volentieri il tempo con gli amici.

    Corradino – da Corrado dal germanico: audace consigliere

    Cataldo – iI nome deriva dal germanico hatu e walt. Significa ‘fortissimo in guerra’. L’onomastico si festeggia il 10 maggio in onore di San Cataldo monaco, vescovo di Rachu, in Irlanda, vissuto tra il VI e il VII secolo. Mentre ritornava da un pellegrinaggio in Terra Santa naufragò nei pressi di Taranto ove più tardi resse la diocesi. Il Santo è patrono di Taranto e di Roccamonfina. è una persona precisa e rigorosa, a cui piace rispettare e far rispettare le regole; spesso il suo essere puntiglioso lo rende una voce fuori dal coro, ma chi lo conosce sa che Cataldo è una persona dal cuore d’oro.

    Carloalberto – carloalberto, usato anche nella versione separata, ovvero Carlo Alberto, è un nome composto maschile italiano che si origina con l’unione di due nomi comuni, ovvero Carlo e Alberto. Il significato di Carlo è Piero è ‘uomo libero’, mentre quello di Alberto è di nobile stirpe’. Il significato complessivo di Carloalberto è dunque ‘uomo nobile libero’. L’onomastico si può festeggia il 4 novembre, in onore di san Carlo Borromeo oppure il 15 novembre, in ricordo di sant’Alberto Magno. Carloalberto nutre un forte interesse verso gli altri e porta serenità e allegria negli ambienti che frequenta. La sua voglia di eccellere riesce spesso ad attuarsi brillantemente, permettendogli di raggiungere il successo e la notorietà ai quali aspira.

    Carlos – e’ il corrispettivo spagnolo del nome derivante dal germanico Karl , il cui significato è ben augurale, dato che vuol dire ‘uomo di libera condizione’. La storia ci racconta che in passato ci fu un grande re con questo nome: Carlo Magno, la cui prestanza militare e politica è stata ampiamente riconosciuta ed apprezzata dagli storici. Nutre un forte interesse verso gli altri e porta serenità e allegria negli ambienti che frequenta, tralasciando talvolta i suoi interessi per il benessere altrui. E’ una persona più unica che rara, dall’interiorità dolce e ricca di poesia.

    Carletto – nome maschile diminutivo di Carlo, derivato dal tedesco, che significa ‘uomo libero’. Il suo onomastico può essere festeggiato lo stesso giorno in cui si ricorda Carlo, ovvero il 4 novembre in onore di San Carlo Borromeo, patrono di Milano, dei librai, catechisti, dei maestri e dei legatori di libri, nato nel 1538. Nutre un forte interesse verso gli altri e porta serenità e allegria negli ambienti che frequenta, tralasciando talvolta i suoi interessi per il benessere altrui. E’ una persona più unica che rara, dall’interiorità dolce e ricca di poesia.

    Carlo – dal germanico: forte, virile (in inglese Charles)

    Carmine – deriva da Carmela (dal germanico:giardino di Dio)

    Cassio – dal germanico: uomo libero

    Carly – da Carlo dal germanico: forte, virile

    Carmelo – come per Carmine l’onomastico si festeggia il 16 luglio

    Nomi maschili germanici che iniziano con la D

    Donar – dio germanico del tuono

    Nomi maschili germanici che iniziano con la E

    Elmo – elmo è un nome di origine germanica che deriva da ‘helm’ e significa protezione, ma è anche una variante del nome medioevale Ermo che è poi diventato Erasmo. E’ infatti oggi solito ritenere Elmo come una variante di Erasmo, pertanto l’onomastico può celebrarsi il 2 giugno in ricordo di sant’Elmo, ma anche di sant’Erasmo, morto nel 303. Elmo è una persona molto attiva, un gran lavoratore; compie sacrifici e resta al pezzo per periodi lunghi, ma guai a farlo distrarre perché si potrebbe arrabbiare, non ama essere distratto quando è occupato o concentrato.

    Eduardo – dal germanico: colui che prende cura della propieta’

    Emerick – l’uomo di fuoco

    Elvino – sebbene in molti ritengano che Elvino sia il diminutivo di Elvio, non è così. Si tratta infatti di un nome di origine longobarda con un suo significato. Elvino deriva da ‘Alwin’, i cui due termini ‘all’ e ‘win’ chiariscono che si tratta di un ‘compagno fedele, amico per la pelle’. Elvino è un nome adespota, quindi il suo onomastico si festeggia il 1°novembre, giorno di Ognissanti. Elvino è un tipo sportivo, sia fisicamente che emotivamente, nel senso che incassa i duri colpi senza mai alterare eccessivamente il proprio stato d’animo.

    Edilberto – edilberto è la prima versione del nome che è oggi noto come Adalberto e che viene abbreviata in Berto; l’origine quindi è sempre sassone come questi altri due nomi e il significato si rintraccia in ‘uomo dai grandi meriti’. L’onomastico viene festeggiato il 24 febbraio in onore a sant’Edilberto, re dei Canzi in Inghilterra. è una persona risoluta, con grandi doti organizzative e uno spiccato senso dell’umorismo; nei rapporti relazionali si dimostra molto umano con tutti e particolarmente affettuoso con la sua famiglia.

    Eberardo – nome di origine germanica che significa ‘forte come un cinghiale’. Il nome è proprio delle regioni nordiche. E’ legato al culto per vari santi, tra cui S. Eberardo vescovo e confessore francese. Esistono le varianti Everardo, Everaldo, Evrardo e, al femminile, Evararda. L’onomastico si festeggia il 22 giugno. Eberardo è una persona dotata di incredibile grinta e coraggio da vendere. Premuroso e gentile è molto apprezzato in famiglia e conquista facilmente le sue prede in amore.

    Edoardo – dal germanico: colui che prende cura della propieta’ (in inglese Edward)

    Edmondo – dal germanico: il difensore della propieta’

    Ermanno – il nome deriva dall’antico tedesco Hariman e significa ‘uomo d’arme’. L’onomastico si festeggia il 7 aprile in onore del beato Ermanno Giuseppe di Colonia morto nel 1241. E’ patrono dei celibi. Ermanno è una persona estroversa e ottimista, che cerca sempre la rettitudine. La sua gentilezza e la gioia di vivere sono contagiose e conquistano proprio tutti.

    Erico – erico è la variante italiana di Eric, nome maschile molto diffuso in Gran Bretagna ed in Svezia, anche nella forma Erik. Eric deriva da Eiríkr che viene solitamente tradotto come ‘unico capo’, ‘capo per sempre’, ‘che regna per sempre’. L’onomastico di Erico segue quello di Eric ed Erik, che viene festeggiato il 18 maggio, in onore di sant’Erik IX di Svezia, martire ad Uppsala. è una persona piuttosto pigra, con scarso senso del dovere; ambisce a una vita facile, dove si abbia poco da fare e si possa sempre viaggiare, stare con gli amici senza dover fare alcun tipo di sacrificio. In amore e in amicizia è sempre presente e fedele.

    Erick – da Enrico dal germanico: capo della casa, potente, dominatore

    Ernesto – serio, severo, onesto e fedele

    Erminio – potente come il Dio Ermin

    Ermenegildo – il nome deriva dall’antico visigoto e significa ‘dono di Dio’. Ermernegildo festeggia l’onomastico il 14 aprile, in onore di Sant’Ermenegildo martire visigoto nel 585 a Tarragona, marito di Ingonda, figlia di Sigiberto, re dei Franchi. In alcune località viene venerato il 13 aprile. Ermenegilda invece festeggia l’onomastico il 1° giugno, in ricordo di Santa Ermenegarda o Ermenegilda. Diminutivi: Gilda / Gildo. Ermenegildo è una persona genuina, che medita a lungo prima di intraprendere una nuova strada o fare una scelta; è meticoloso e preciso e capace di individuare le necessità delle persone a lui care.

    Eraldo – dal germanico: vecchio guerriero

    Enzo

    Enrico – dal germanico: capo della casa, potente, dominatore (in inglese Henry, in francese Henri)

    Eric – da Enrico dal germanico: capo della casa, potente, dominatore

    Eriberto – il nome deriva dal latino Heribertus, tratto dal germanico Heribert e significa ‘splende nell’esercito’. L’onomastico viene festeggiato il 16 marzo in ricordo di Sant’Eriberto di Bois-Villiiers, vescovo di Colonia, morto nel 1210. Eriberto è una persona indipendente e generosa, solidale e altruista, che spesso dedica la sua vita alla carità e al volontariato. Queste virtù lo portano a conoscere persone nuove, viaggiare e avere una visione del mondo a 360 gradi.

    Erardo – nome maschile che deriva dalla parola germanica ‘Erhard’ che ha il significato di ‘guerriero forte’ in quanto la prima parte ‘era’ vuol dire onore e rispetto, mentre ‘hard’ si riferisce agli aggettivi forte, tenace, coraggioso. L’onomastico viene festeggiato il giorno 8 gennaio in ricordo del vescovo di Ratisbona, sant’Erardo. Erardo è una persona allegra e spontanea, piena di energia ed ottimismo; non si butta mai giù di morale ed affronta la vita con il sorriso sulle labbra.

    Nomi maschili germanici che iniziano con la F

    Franco – uomo libero

    Francis – da Francesco dal germanico: francese

    Francy – da Francesco dal germanico: francese

    Francesco – di origine germanica vuol dire “proveniente dalla Francia, del popolo dei Franchi”. Festeggia l’onomastico il 4 ottobre, giorno in cui viene ricordato san Francesco di Assisi, patrono d’Italia.

    Frido – trattasi della versione da uomo del nome femminile Frida, il quale deriva dal nome tedesco Frieda dove ‘Frieden’ significa pace; in Italia è usato soprattutto nella provincia di Bolzano e nelle zone più a nord come il Trentino Alto Adige e il Friuli Venezia Giulia. Il nome è adespota, quindi l’onomastico si festeggia il 1°novembre. Ha una personalità aperta, che non conosce limiti; ancoraoa ai valori più tradizionali, vive la vita dando tutto se stesso per il bene e la gioia degli altri. Affatto calcolatore, ha le idee bene chiare in testa e non si lascia mai condizionare.

    Folco – il nome deriva dall’antico tedesco Folker e significa ‘combattente per il popolo’. L’onomastico viene festeggiato l’ 11 ottobre in memoria di San Folco, monaco irlandese divenuto vescovo di Pavia e di Piacenza. I suoi interessi principali sono la storia, le scoperte e i viaggi; ama infatti andare in posti lontani per conoscere popolazioni, culture, religioni diverse. E’ un esploratore instancabile.

    Federico – dal germanico: uomo assai pacifico

    Federigo – federigo è una variante del nome Federico, nome che deriva dal germanico Frithurik, che è composto da frithu, ‘pace, sicurezza’, e da rikya, ‘potente’. Sia Federico che Federigo significano quindi ‘potente nell’assicurare la pace’. Questo nome ha cominciato a diffondersi in Italia a partire dal Medioevo, appartenne a imperatori e sovrani d’Europa. Nel XII secolo Federico I, detto il Barbarossa, fu imperatore di Germania e del Sacro Romano Impero. Annegò nel 1189, durante la terza crociata, attraversando un fiume in Asia Minore. Al Barbarossa è legata la leggenda dell’Eroe dormiente, secondo la quale l’imperatore riposa addormentato con i suoi cavalieri in una grotta del monte Kyffhauser in Turingia, nella Germania orientale; quando i corvi smetteranno di volare egli si risveglierà e porterò alla Germania fasti e grandezza. L’onomastico di Federigo si può festeggiare il 18 luglio quando si ricorda san Federico, vescovo di Utrecht nel IX secolo. Ha una personalità tranquilla e pacata, da cui ci si possono tuttavia aspettare dei colpi di testa. Non è particolarmente incline al cambiamento e per quanto riguarda le relazioni sociali si circonda di persone fidate, mantenendo i rapporti esclusivamente con queste. Curiosità : Federigo è un nome diffuso solamente in 1000 persone in Italia. Il nome da cui si origina, Federico, nei paesi germanici dell’Europa continentale questo nome ha conosciuto nel tempo un notevole successo, per questo ancora oggi si ricordano re ed imperatori di grande spessore, tra cui il cardinal Federico Borromeo e Federico II di Svezia. Ma anche in altri campi, come nella letteratura e nella filosofia spiccano grandi nomi: tra i filosofi abbiamo infatti Friedrich Wilhelm Nietzsche, Georg Wilhelm Friedrich Hegel, Johann Christoph Friedrich Schiller; tra i letterati abbiamo invece il poeta e drammaturgo spagno Federico Garcia Lorca, Friedrich Novalis. Come dimenticare poi il compositore Fryderyk Chopin! Tra le opere teatrali si ricorda infine “L’amico Fritz” di Pietro Mascagni, commedia lirica basato sulla commedia del 1876, “L’ami Fritz”, di Erckmann e Chatrian.

    Fernando – dal germanico: guerriero audace

    Ferdinando – dal germanico: guerriero audace

    Filiberto – il nome deriva dal tedesco e significa ‘molto illustre’; la radice filu significa molto e beraht invece illustre, brillante. Si festeggia l’onomastico il 20 agosto in memoria di San Filiberto di Jumièges, abate dalla Vandea, martire in Spagna nel 685. Filiberto ha modi di fare eleganti e raffinati; è un tipo educato e riservato, che non si intromette mai negli affari altrui. Gli piacciono le materie scientifiche e il gioco delle carte.

    Nomi maschili germanici che iniziano con la G

    Gastone – dal germanico: ospite straniero

    Gandolfo – il nome ha origini tedesche e significa ‘lupo, guerriero’. La sua diffusione risale al VII secolo ed è frequente soprattutto in Sicilia, dove è molto sentito il culto per Gandolfo, predicatore dei Frati Minori. L’onomastico viene festeggiato l’ 11 maggio, in ricordo di San Gandolfo martire a Varennes. è una persona mite, dolce ed educata, piena di vita e di calore umano; è gentile e premuroso con il prossimo. Ama i giochi e gli sport di gruppo.

    Galdino – iI nome ha origine francese e significa ‘dominare,regnare’. L’onomastico viene tradizionalmente festeggiato il 18 aprile in onore di San Galdino cardinale e vescovo di Milano, morto nel 1176. Trattasi di una persona retta, equilibrata, dai sani principi; ogni azione di Galdino mira a migliorare la sua posizione. Ama studiare ed incrementare sempre più il proprio bagaglio personale.

    Gordon – trattasi della versione sassone del nome italiano Ruggero, talvolta usato anche con la variante Roger. Il suo significato si ritrova nel mondo militare, ‘lancia gloriosa’, ed è dovuto alle particolari quanto eroiche gesta del noto paladino di Francia che è stato paragonato a Orlando. Persona solitaria che in tutta la vita si lascia dintorno solamente una ristretta cerchia di amici; ha moltissimi interessi, anche diversi l’uno dall’altro, e i suoi talenti maggiori si rintracciano nella scrittura e nella musica.

    Gualtiero – dal germanico Capo dell’esercito

    Girolamo – dal greco, il nome Girolamo, variante di Gerolamo, significa ‘nome sacro’, in ricordo del padre San Gerolamo della Chiesa, vissuto tra il 346 e il 429. L’onomastico può essere festeggiato il 30 settembre, il 9 maggio o l’8 febbraio. è una persona enigmatica, che si scopre poco alla volta e cerca di farsi conoscere con giochi ed indizi; ama l’arte e la drammaturgia.

    Gino – gino è un nome molto diffuso in Italia che si origina da un altro nome altrettanto famoso, vale a dire Luigi, nome di origine tedesca che significa ‘uomo illustre’. Come Luigi, Gino viene ricordato il 21 giugno in onore di San Luigi Gonzaga, gesuita, figlio del marchese Ferdinando di Castiglione, morto nel 1591. La sua intuizione e la sua intelligenza lo aiutano nelle situazioni in cui potrebbe essere smascherata la sua natura pigra e indolente. Pur quanto molto capace, Gino alterna soventemente periodi di grande attività ad altri di totale inerzia.

    Giraldo – fra 9 giorni, in data 06 febbraio , si festeggia l’ onomastico di Giraldo. Ha una personalità particolare, può apparire stravagante un giorno e cupo e misterioso l’indomani; gli piacciono tantissimo gli animali e si prende cura delle persone a cui vuole bene con una devozione unica.

    Guelfo – guelfo è un nome maschile che deriva dall’antico germanico ‘welf’, nome in uso nella Casa ducale di Baviera e presso gli Estensi; il significato è cucciolo, cagnolino. Un noto Guelfo della storia fu il marito di Matilde di Toscana, il quale ricevette Papa Gregorio VII come suo ospite quando egli era in disputa con Enrico IV. Non ci sono santi con il nome Guelfo, quindi l’onomastico può essere festeggiato il 1° novembre. Guelfo è un tipo preciso, che ama fare le cose con calma e ricontrollarle svariate volte per essere sicuro che vadano bene.

    Guillaume – l’uomo che cerca

    Guya – deriva dal germanico e significa ‘bosco’ .

    Guido – selva, bosco, foresta

    Guerrino – fra 9 giorni, in data 06 febbraio , si festeggia l’ onomastico di Guerrino. Guerrino è dotato di un innato ottimismo che cerca di trasmettere anche agli altri. La sua solarità è molto apprezzata e lo spinge a ritenere la vita una cosa meravigliosa, da vivere con grande grinta.

    Guglielmo – uomo protetto dalla volont�

    Gerardo – il nome ha origine tedesca e significa ‘forte nel lanciare il dardo’. Gerardo è la forma che si è diffusa dalla Francia e festeggia l’onomastico il 30 ottobre in ricordo di San Gerardo vescovo morto nel 1122. E’ patrono di Potenza, delle ostetriche e delle partorienti. Viene invocato per guarire fratture, tumori, calcolosi e gotta. è un calcolatore nato che mira a risparmiare su tutto e non solo in termini economici. La sua organizzazione è maniacale, riesce sempre a trovare il modo per studiare poco, lavorare l’indispensabile, stancarsi il meno possibile e spendere con moderazione; chi lo conosce sa che questa è la sua particolarità e la accetta con sarcasmo.

    Germano – dal germanico: uomo armato di lancia

    Geraldo – fra 9 giorni, in data 06 febbraio , si festeggia l’ onomastico di Geraldo. Ha una personalità particolare, può apparire stravagante un giorno e cupo e misterioso l’indomani; gli piacciono tantissimo gli animali e si prende cura delle persone a cui vuole bene con una devozione unica.

    Geoffrey – si tratta di un nome normanno che ha origini germaniche attestate già a partire dall’XI secolo, era molto diffuso soprattutto nei ceti nobiliari, ma il suo uso cominciò a sfumare verso la fine del Medioevo per poi tornare in voga intorno al XX secolo, specialmente nella forma Jeffrey. Come equivalente italiano si fa riferimento a Goffredo, sebbene non si tratti esattamente dello stesso nome. Tuttavia l’onomastico si può festeggiare lo stesso giorno di San Goffredo, l’8 novembre.

    Gerald – fra 9 giorni, in data 06 febbraio , si festeggia l’ onomastico di Gerald. Ha una personalità particolare, può apparire stravagante un giorno e cupo e misterioso l’indomani; gli piacciono tantissimo gli animali e si prende cura delle persone a cui vuole bene con una devozione unica.

    Geronimo – trattasi di una variante del nome Girolamo che significa “nome sacro”, in ricordo del padre San Gerolamo della Chiesa, vissuto tra il 346 e il 429. L’onomastico viene festeggiato il 20 luglio in onore di San Geronimo. è una persona enigmatica, che si scopre poco alla volta e cerca di farsi conoscere con giochi ed indizi; ama l’arte e la drammaturgia.

    Gilberto – fra 7 giorni, in data 04 febbraio , si festeggia l’ onomastico di Gilberto. è una persona che vive la vita con equilibrio e saggezza, Gilberto è metodico, non prende mai decisioni avventate; ha un grande senso estetico che gli fa vedere sempre il lato positivo delle cose.

    Gildo – domani, in data 29 gennaio , si festeggia l’ onomastico di Gildo. Gildo è una persona molto amata, sia dalla famiglia che dal partner; gli piacciono i motori e fare regali costosi; la puntualità non è nella sua natura.

    Gianluigi – trattasi di un nome composto da Gianni, la forma diminutiva di Giovanni, e Luigi; considerando quindi l’unione di questi due nomi potremmo dire che il significato di Gianluigi sia ‘dono illustre del Signore’. Per quanto riguarda l’Onomastico, esso si festeggia il 1° novembre in quanto il nome è adespota. è un uomo capace, che ha bisogno di validi punti di riferimento per non perdersi, la sua natura lo vede infatti una facile preda di vizi e peccati.

    Gherardo – gherardo è una variante del nome maschile Gerardo; al contrario di questa forma, che si è sviluppata in Francia, Gherardo si è diffuso in Germania e viene festeggiato tradizionalmente il 13 maggio in ricordo del beato Gherardo di Villamagna, terziario francescano. è un calcolatore nato che mira a risparmiare su tutto e non solo in termini economici. La sua organizzazione è maniacale, riesce sempre a trovare il modo per studiare poco, lavorare l’indispensabile, stancarsi il meno possibile e spendere con moderazione; chi lo conosce sa che questa è la sua particolarità e la accetta con sarcasmo.

    Gianfrancesco – gianfrancesco è un nome che si forma dall’unione di Gianni e Francesco che significano rispettivamente ‘Dio ha avuto misericordia’ e ‘franco’. L’onomastico può essere festeggiato il 4 ottobre in ricordo di San Francesco d’Assisi. Gianfrancesco è una persona sensibile, sempre disposto ad aiutare il prossimo; è molto rigoroso e organizzato; grande è l’impegno che mette nelle cose che è chiamato a compiere. Ha interessi precisi, ma ama informarsi un po’ su tutto.

    Nomi maschili germanici che iniziano con la H

    Heric – da Enrico dal germanico: capo della casa, potente, dominatore

    Hermann – versione tedesca della forma italiana Ermanno o Armando, Hermann è un nome maschile derivante dal latino ‘Harimannus’. Formato dalle radici ‘harja’, che vuol dire ‘esercito’ e ‘mann’ che vuol dire ‘soldato’, il suo significato complessivo è ‘uomo d’arme’. L’onomastico di Hermann si festeggia il 7 aprile, in onore del beato Ermanno Giuseppe di Colonia. Hermann è una persona estroversa e ottimista, che cerca sempre la rettitudine. La sua gentilezza e la gioia di vivere sono contagiose e conquistano proprio tutti.

    Hal – e’ l’abbreviazione più corta del nome inglese Henry, che è particolarmente diffusa negli Stati Uniti. In Italia abbiamo Enrico. Trattasi di un nome che ha origine germanica e che si traduce con il significato di ‘possente in patria, dominatore’. Simpatico e intraprendente, Hal è un ragazzo che ama primeggiare e per riuscire nel suo intento si dedica con molto impegno alle attività che pratica. Fiero e sicuro, non si tira indietro di fronte alle minacce dei nemici.

    Henry – vedi il nome Italiano: Enrico (dal germanico: capo della casa, potente, dominatore)

    Nomi maschili germanici che iniziano con la I

    Iolando – dal germanico: ragazza con lo scudo di tiglio

    Imelde – grande eroe

    Ido – seppur la sua diffusione sia molto rara, tra i nomi maschili italiani compare anche Ido, che è la versione maschile di Ida, nome che deriva dall’antico tedesco Itha e significa ‘donna guerriera’. L’onomastico di Ido è il medesimo di quello di Ida, che viene festeggiato il 15 gennaio in memoria di santa Ida, badessa irlandese vissuta nel VI secolo. Ido è una persona estremamente dolce e romantica, indissolubilmente legata alla famiglia; gli piace trascorrere il tempo in compagnia degli affetti cari e si rende più che disponibile ad aiutare sempre le persone a cui vuole bene senza pretendere niente in cambio.

    Nomi maschili germanici che iniziano con la L

    Ludovico – nome di origine germanica di tradizione francone, deriva dall’unione di due termini: hloda (che vuol dire gloria o fama) e wig (che vuol dire battaglia). Vuol dire, dunque, “glorioso in battaglia”, oppure “illustre combattente”.

    Lodovico – dal germanico: combattente valoroso

    Luis – nome di origine franco-tedesca, variante spagnola di Luigi che, come detto anticipatamente, vuol dire illustre combattente, glorioso in battaglia o sapiente. Per l’onomastico, vedere sopra al nome Luigi.

    Luigi – glorioso combattente

    Lanfranco – dal germanico: libero nel paese

    Lamberto – dal germanico: lo splendore del paese

    Leopoldo – valoroso tra la gente

    Leonardo – forte come un leone

    Nomi maschili germanici che iniziano con la M

    Manfredi – un nome di origine germanica. Proviene da Manifred, nome composto da man e da fridu. Il suo significato è “amico degli uomini”. L’onomastico si può festeggiare il 28 gennaio.

    Nomi maschili germanici che iniziano con la N

    Norberto – dal germanico: uomo illustre del settentrione

    Norbert – quello che si nasconde

    Nelly – nome che può essere utilizzato anche al femminile. Ha origini germaniche e il suo significato è “cresciuto nella luce”. L’onomastico cade il 21 febbraio.

    Nomi maschili germanici che iniziano con la O

    Osvaldo – nome di origine germanica, formato da “Dio” e “potere”, quindi il suo significato è “potere conferito da Dio”. L’onomastico si celebra il 5 agosto e il 29 febbraio.

    Ottone – dal germanico: possesso, ricchezza

    Ottorino – diminutivo di Oddone

    Oscar – lancia di Dio

    Oddo – dal germanico: ricco, potente

    Oddone – variante del più raro Oddo

    Orlando – è una variante di Rolando. Nome di origine germanica che vuol dire “colui che ha la fama di ardito”. Era un nome molto isato nelle canzoni e nei poemi del ciclo carolingio. Questo nome ricorda inevitabilmente il poema cavalleresco di Ludovico Ariosto “L’Orlando Furioso”. L’onomastico si festeggia il 15 settembre.

    Nomi maschili germanici che iniziano con la P

    Pierre-Louis – l’origine di questo nome è greca e germanica. Il primo nome deriva dal greco Petros che significa pietra o roccia.

    Pierre-Henri – il primo nome deriva dal tedesco heim e rik. Questo nome significa: pietra.

    Poldo – dal germanico: valoroso tra la gente

    Nomi maschili germanici che iniziano con la R

    Rodrigo – dal germanico: ricco di gloria

    Rolando – famoso per il suo ardimento

    Rocco – cornacchia

    Rodolfo – dal germanico: lupo glorioso

    Ruggero – dal germanico: lancia gloriosa

    Ruperto – da Roberto: dal germanico: illustre di fama, splendente di gloria

    Romualdo – che comanda con gloria

    Ruggerio – dal germanico: lancia gloriosa

    Roberto – nome di origine gotico-germanica che significa “illustre per fama” e “splendente di gloria”. L’onomastico è solitamente festeggiato il 17 settembre in onore di San Roberto Bellarmino o il 17 aprile in ricordo di S. Roberto di Molesme, fondatore dell’Ordine dei Cistercensi. Altri onomastici di Roberto sono: 25 aprile (San Roberto di Siracusa, abate), 7 giugno o 26 gennaio (San Roberto di Newminster, abate), 4 luglio (Berta di Blagny, vedova benedettina).

    Raniero – popolo sostenuto dal consiglio divino

    Raoul – nome di origine germanica, formato dalle parole “radha” e “wulfa”, che insieme significano “valoroso nell’assemblea”. Il nome ricorda immediatamente quello dell’attore Raoul Bova. Il suo onomastico è il 21 giugno.

    Raimondo – protezione divina

    Ranieri – nome di origine germanica, composto da ragin che vuol dire “consiglio, decisione ispirata da Dio” e da hari che vuol dire “esercito”. Dunque il suo significato è “esercito consigliato dagli dei”.

    Rinaldo – che governa con il consiglio degli dei

    Robertino – diminutivo di Roberto, dal germanico: illustre di fama, splendente di gloria

    Raul – dal germanico: valoroso nell’assemblea

    Riccardo – dal germanico: potentissimo

    Nomi maschili germanici che iniziano con la S

    Sigfrido – dal germanico: che da’ la pace con la vittoria

    Sigismondo – che protegge il popolo con la vittoria

    Nomi maschili germanici che iniziano con la T

    Teobaldo – dal germanico: valoroso tra il popolo

    Telesforo – dal germanico, colui che porta tutte le iniziative a buon dine

    Tancredi – nome di origine germanica che vuol dire consigliere saggio, pensoso, geniale, ispirato. Una sua variante, sempre maschile, meno diffusa è Tancredo.L’onomastico si celebra il 9 aprile e il 30 settembre in ricordo di San Tancredi eremita.

    Nomi maschili germanici che iniziano con la U

    Ugolino – dal germanico: pensiero, senno

    Ugobaldo – variante del nome Ugo. Nome di origine germanica, che deriva dal sostantivo hugu, “pensiero, senno”. Sant’Ugo si celebra l’1 aprile.

    Ulderico – dal germanico: ricco di beni

    Umberto – nome di origine germanica. Deriva da Hun, “Unno” o da hunna “orsacchiotto”, e bertha “illustro, famoso”. Il suo significato, dunque è “Illustre Unno” o “Famoso orsacchiotto”. L’onomastico si festeggia il 6 settembre.

    Ulrico – dal germanico Ulrich e significa ‘possente per ricchezze’

    Uberto – dal germanico: spirito brillante

    Ubaldo – dal germanico: spirito ardito

    Uboldo – dal germanico: spirito ardito

    Ugo – dal germanico: pensiero, senno

    Ueli – nome svizzero, diminutivo di Ulrich. Di origine germanica, significa “possente per ricchezza”. Beato Ulrico si festeggia il 2 marzo.

    Nomi maschili germanici che iniziano con la V

    Vivaldo – dal germanico: che comanda un combattimento

    Nomi maschili germanici che iniziano con la W

    Walther – dal germanico: protettore dell’esercito

    Wiliam

    Wally – dal germanico. che protegge i campi in battaglia

    Walter – dal germanico: protettore dell’esercito

    I migliori regali per voi:

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

    error: Content is protected !!