Vai al contenuto

Nomi maschili antici

    Scopri le nostre idee regalo per Uomo, Donna, Bambina et Bambino, Ragazza et Ragazzo.

    Nomi maschili antici che iniziano con la A

    Aramis – il nome Aramis deriva dal cognome di Aramitz. Non ha un significato speciale.

    Aquilinus – colui che sostiene il mondo

    Appius – l’uomo oscuro

    Arcade – l’uomo oscuro

    Ariel – ariel è un nome maschile di origine ebraica. Dall’ebraico ari’el che significa “leone di Dio”. Secondo il profeta Isaia, Ariel è sia il nome di un angelo caduto che quello della città di Gerusalemme. In La tempesta di Shakespeare, Ariel è il nome di uno spirito dell’aria. È un nome che rimane relativamente non attribuito al di fuori delle famiglie ebraiche.

    Aristide – aristide è un derivato del nome di battesimo greco “Aristeidês”. Quest’ultimo si ispira al termine greco “aristos” che significa “figlio dei migliori”.

    Archibald – archibald trae la sua origine dalle parole germaniche “aircan” e “bald” che significano rispettivamente “naturale” e “audace”. Insomma, un nome originale e ricco di significato!

    Archie – popolare in Inghilterra, il nome Archie è un diminutivo di Archibald, a sua volta una forma inglese e scozzese del nome germanico Erkanbald, derivato dalle parole “aircan”, naturale, autentico e “calvo”, audace, audace, coraggioso. Archie è rimasto a lungo un diminutivo di Archibald prima di diventare un nome di battesimo a sé stante.

    Ange-Eden – l’uomo preoccupato

    Angelor – quello che morde

    Ange-Aime – colui che governa la terra

    Ange-Albert – colui che domina le onde

    Antoine – dal greco antônios, ”coraggioso”, diviene Antonius in latino, ed era nato da una illustre famiglia romana.

    Apollinaire – dal greco apellos, “chi ispira”. Questo nome richiama Apollo, dio greco della Bellezza, ma anche il poeta Guillaume Apollinaire. Apollinare fu anche discepolo di San Pietro e fu il primo vescovo della città di Ravenna in Italia. L’Apollinaire si celebra il 23 luglio e il 12 settembre. I suoi derivati: Apolline, Apollo, Apollo.

    Anselme – dal tedesco ans, ‘divinità’ e elmo, ‘protezione. Questo nome evoca l’uso di forze soprannaturali nei miti pagani. Sant’Anselme fu, nell’XI secolo, abate di fama internazionale, consigliere dei papi e confessore di Guglielmo il Conquistatore. La sua festa: 21 aprile.

    Anthoyne – l’uomo di fuoco

    Armand – dal germanico hari, “esercito”, e mand, “gioioso”. Saint Armand era un patrono dei Paesi Bassi. Primo nome considerato aristocratico, era quello del cardinale de Richelieu. Un altro sant’Armando fu vescovo dell’Alto Adige, Italia. Gli Armand si celebrano il 23 dicembre. I suoi derivati: Armanda, Armandin.

    Aurelianus – quello che si affeziona

    Aureus – colui che aspetta

    Augustin – agostino è un nome maschile che deriva dal latino “augustus” che significa “venerabile”, “maestoso”, “consacrato dagli auspici”.

    Aulus – colui che guida, che comanda

    Axel – derivato scandinavo del nome Absalon che significa ‘il padre della pace’. Sant’Absalon fu nel XII secolo consigliere del re di Danimarca, Valdemar I, che partecipò alla fondazione di Copenaghen. Più vicino, Axel de Fersen, amico della regina Maria Antonietta, lo scortò durante la sua fuga durante la Rivoluzione. Gli Axel si festeggiano il 21 marzo.

    Antoninus – colui che governa la terra

    Aurèle – il primo nome Aurèle ha le sue radici nella lingua latina. Deriva dalla parola “aurum” che significa “oro” o “fatto d’oro” e “aurelius” che è un derivato della parola “aureolus” e significa “coperto d’oro”.

    Avitus – colui che aspetta

    Auguste – dal latino augustus, ‘santo’, ‘maestoso’, ‘venerabile’, ‘che incute rispetto’. In origine, la parola augustus è un derivato di augurs, che significava ‘di buon auspicio’… Quando Ottaviano divenne imperatore nel 29 aC. J. -C. , gli fu dato questo qualificatore che mantenne per i posteri. Da quel momento in poi, un aggettivo così lusinghiero non poteva che diffondersi, soprattutto nei paesi francofoni e germanici. Oggi, se Augustin, il suo derivato, ha la preferenza dei genitori, Auguste approfitta di questo successo per avviare una rimonta.

    Artakhshathra – colui che giudica

    Arthaud – colui che brilla

    Arnaud – dal germanico arn, che significa aquila, e waldan, governare. Nell’VIII e IX secolo, Arnaud era uno dei nomi di battesimo più popolari. Era anche molto popolare in Germania, Belgio e Paesi Bassi.

    Arnold – arnold deriva dai termini germanici arn e waltan che significano rispettivamente “aquila” e “governare”.

    Arthus – derivato da Artù. Dal celtico artos, orso, o arte, pietra. Maestro dei Cavalieri della Tavola Rotonda, Re Artù visse nel V secolo e combatté nel sud della Scozia. Sant’Artù fu vittima delle persecuzioni del re Enrico VIII d’Inghilterra contro i cattolici nel 1539. La sua festa: 15 novembre.

    Atilius – quello che monta il cavallo

    Arthfael – l’uomo di fuoco

    Arthur – artù deriva dal celtico artos, ‘orso’, o arte, ‘pietra’. È la forma francese del nome bretone Arzhur. Questo nome è diffuso nei paesi di influenza celtica. Se sei un fan dei valorosi cavalieri o dei nomi reali, dovrebbe sedurti.

    Ange – angel è un nome proprio maschile di origine greca. Di solito, Ange viene anche dato come nome misto. Angelo deriva dal termine greco eggelos che significa “il messaggero”. In senso religioso, Angelo designa “il messaggero di Dio”. Un nome così ricco di significato non poteva lasciare nessuno indifferente. Il Sud e la Corsica in particolare lo adottano da molto tempo. Se la forma femminile e le sue derivate erano molto diffuse durante il cristianesimo, Ange ora ha un genere, oggi fa miracoli con i genitori dei ragazzini.

    Aemilianus – colui che canta la vita

    Aemilius – uno che vive in due mondi

    Aelianus – colui che porta la fiamma

    Aelius – quello che si nasconde

    Ahenobarbus – colui che passa

    Ahmose – colui che detiene le acque della terra

    Aetius – colui che porta la vita, che conduce la vita

    Agmundr – colui che detiene la parola

    Aelfwine – quello che prende

    Adalwin – quello che monta il cavallo

    Adalwolf – l’uomo con il bastone, quello che colpisce

    Abélard – il primo nome Abélard ha le sue radici nella parola latina ‘abel’ derivata dall’ebraico ‘hevel’ o ‘havel’ che significa ‘respiro’, ‘respiro’. È anche un primo nome derivato da ‘abelnom’, dall’ebraico ‘hebel’ riferito al figlio di Adamo ed Eva, Abele. Abelardo è anche una variante germanica dei nomi Ebelhard o Eberhard che significano “di alta nascita”.

    Achille – dal greco Achileos, semidio della mitologia greca. Figlio della ninfa Teti e del re Peleo, eroe dell’Iliade di Omero, questo valoroso guerriero morì per una freccia nel tallone, l’unica parte vulnerabile del suo corpo. Non diffuso nei paesi anglosassoni, è più diffuso nei paesi latini. Per favore ? Il 12 maggio si festeggiano gli Achille. I suoi derivati: Achill, Achille, Achilleus, Akilée.

    Adjudor – quello che grida

    Adolphe – adolphe deriva da adal che significa “nobile” e da lupo che significa “lupo”.

    Adelphe – il nome di battesimo maschile Adelphe deriva dal greco adelphos (fratello) che deriva da a (link) e delphus (la matrice).

    Ademard – l’uomo che salta

    Alarie – colui che viene

    Alphonse – dal germanico “hildefuns” che significa pronto a combattere. Una volta introdotto dai Visigoti in Spagna, il nome Alfonse si diffuse a macchia d’olio poiché ci sono non meno di 18 re di Spagna e 6 in Portogallo chiamati come tali. In Francia il “ph” ha sostituito la “f” durante il Rinascimento. Questo nome tornò di moda, come molti altri nomi comuni nel XIX secolo.

    Amadou – l’uomo preoccupato

    Alibert – derivato da Albert, Alibert è un nome proprio maschile di origine germanica. Alibert deriva dai termini tedeschi adal e berht che significano rispettivamente “nobile” e “brillante”. Questa è anche la contrazione di Aldabert. Il matrimonio della regina Vittoria e del principe Alberto di Sassonia accrebbe particolarmente la popolarità del nome Albert e dei suoi derivati.

    Alphe – l’uomo di fuoco

    Anatole – dal greco anatolios, “che viene dall’oriente, dall’oriente”. In origine è un nome etnico come Lorraine o Romain. Sant’Anatole è solitamente invocato da chi ha problemi alle corde vocali. Questo primo nome è stato reso famoso dallo scrittore Anatole France, morto nel 1924. Gli Anatoles si celebrano il 3 febbraio. I suoi derivati: Anatolia, Anatolia, Anatoline.

    André – dal greco andros, ‘uomo’. Evangelizzatore, Sant’Andrea Apostolo, fratello maggiore di San Pietro, fu crocifisso su una croce a forma di X, da allora chiamata croce di Sant’Andrea. Patrono della Russia e della Scozia, protegge anche la Borgogna. La sua festa: 30 novembre.

    Amaury – amal germanico che significa “radice oscura”, associato alla famiglia dei re visigoti Amali, e ric che significa “potente”. Come tutti i nomi visigoti, Amaury era diffuso principalmente nei paesi della Francia meridionale. Amalarico o Amalarico, re dei Visigoti (507-531), sposò una delle figlie del re Clodoveo. Il primo nome Amaury deriva dal germain amal che significa “radice oscura” e ric trascritto come “potente”. Amaury deve il suo successo alla fama della famiglia dei re visigoti Amali.

    Anathaly – colui che porta la fiamma

    Aliaume – aliaume deriva dai due termini tedeschi adal e helm, che significano “nobile” e “casco”. Il primo nome Aliaume era un nome battesimale germanico comune nel periodo carolingio e merovingio.

    Albini – colui che detiene le acque della terra

    Albrecht – il nome Albrecht deriva da due termini tedeschi, al e berht, che significano “tutto” e “brillante” o “illustre”.

    Alberick – colui che detiene la parola

    Albert – dal tedesco adal, “nobile”, e berht, “brillante”. È la contrazione del nome Aldabert. Divenne popolare in Inghilterra in seguito al matrimonio della regina Vittoria e del principe Alberto di Sassonia. Albert è anche il nome di molti personaggi famosi tra cui Albert I del Belgio e Albert Einstein. Gli Albert si celebrano il 15 novembre. I suoi derivati: Alberte, Bert, Aubert.

    Alexandre – alexander deriva dal greco alexein ‘proteggere’ e andros ‘uomo, guerriero’.

    Alexymere – l’uomo che genera

    Albus – colui che governa la terra

    Aldei – l’uomo solitario

    Nomi maschili antici che iniziano con la B

    Baudouin – dal germanico calvo, “audace”, e vinci, “amico”. Era il primo nome di cinque re di Gerusalemme e di due imperatori d’Oriente. La versione anglosassone, Baldwin, ha la precedenza sulla versione francese. Discepolo di San Bernardo, Saint Baudoin era un monaco fiammingo che fondò il monastero di Baudeloo in Belgio. È il quinto re dei belgi. I Baudoin si celebrano il 17 ottobre. I suoi derivati: Beaudoin, Baldwin, Beaudouine.

    Baudile – colui che trionfa

    Baudry – baudry è un nome di battesimo tedesco derivato dai termini calvo e rik che significano “audace” e “potente” o “re”.

    Bérard – bérard è un nome maschile di origine germanica. Le radici di questo nome sono ber o beren e hard che significano “orso” e “forte”. I signori della guerra dei goti sono soprannominati Bérard.

    Bernardin – il primo nome Bernardin è un derivato di Bernard. Deriva dalle parole germaniche ber e hard che significano “orso” e “coraggioso”. Etimologicamente si può quindi tradurre come “orso coraggioso”.

    Bastien – derivato da Sebastiano, dal greco sebastos, ‘venerato’. San Sebastiano era un soldato romano convertitosi al cristianesimo e morto martire nel 3° secolo. È spesso rappresentato nelle arti, legato a un palo, il corpo trafitto da frecce. La sua festa: 20 gennaio.

    Baptistin – il primo nome Baptistin deriva dal greco “baptizein” che significa “immergere”.

    Baptiste – battista deriva dal greco baptizein che significa ‘immergere’, quindi ‘battezzare’.

    Balthazar – dall’accadico Bel-sharra-outsour, principe di Babilonia, “protettore del padrone”.

    Basile – basilio deriva dal greco basileus, ‘il re’. È un nome molto comune nei paesi slavi a lungo influenzati dall’impero bizantino. È comune lì sotto forma di Vasily in Russia. In Europa occidentale e in Francia, rimane poco dato anche se sempre presente nei secoli. Sedotto?

    Barthélemy – dall’ebraico bar, “figlio”, e da talmaï, “aratore”. Bartolomeo sarebbe stato il soprannome dell’apostolo Natanaele, divenuto poi patrono dei conciatori, legatori e macellai. Questo nome assume anche la forma di Bartolomeo in Irlanda. I Bartolomeo si festeggiano il 24 agosto. I suoi derivati: Bartholomé, Bertolomeo, Berthélémy.

    Barnabé – è un cognome aramaico formato da bar, ‘figlio di’, e naba, ‘la consolazione’. Vuoi un nome retrò? Barnaba potrebbe farti piacere. Il suo santo patrono è un ebreo cipriota che gli apostoli consideravano uno di loro. Garantisce la conversione di san Paolo e viaggia con lui in Asia Minore, prima di tornare a Cipro dove muore perseguitato. È il primo nome del figlio di Isabelle Adjani e anche quello di Julien Clerc. La sua festa: 11 giugno. Barnabé famosi: l’architetto Barnabé Guimard, il giornalista e scrittore Barnabé Durosoi…

    Nomi maschili antici che iniziano con la C

    Conan – conan è un nome di battesimo francese di origine gallese. Conan trae la sua origine dal termine gallese kon, che si traduce in “alto”.

    Cleophase – l’uomo che salta

    Chrysologue – quello che morde

    Césaire – césaire è un nome proprio maschile di origine latina, proveniente dal latino caesar che significa “incisione” o “tagliare”.

    Célestin – dal latino cælestis, “celeste”. Proprio come Céleste da cui deriva, Célestin vuole essere dal cielo, è lì che l’uomo suppone che Dio risieda. Un nome divino Questo nome era molto popolare intorno al 1900. Era indossato da 6 papi. San Celestino, eremita eletto papa suo malgrado. Si dimise due mesi dopo e fondò l’ordine dei Celestini nel 1254. La sua festa: 6 aprile per papa Celestino I o 19 maggio per papa Celestino V. Suoi derivati: Celestino, Celestino, Celestino, Celestina…

    Cyrius – colui che detiene la parola

    Charles – dal germanico karl, “virile, maschile”.

    Chamberlin – l’uomo di fuoco

    Calin – colui che guida, che comanda

    Charles-Auguste – uno che vive in due mondi

    Christian – dal latino Christus che significa ‘Cristo’.

    Childeric – di origine germanica, questo nome deriva da hild e ric che significano “combattente e potente”.

    Charles-Eugene – colui che porta il mondo

    Nomi maschili antici che iniziano con la D

    Diwan – diwan è un nome maschile di origine persiana. È tratto dal termine persiano divân riferito a una raccolta di poesie o prosa nelle letterature araba, persiana, ottomana e urdu.

    Didier – dal latino desideratus, “desiderato, desiderato”. Didier è una variazione di Désiré.

    Duval – l’uomo di fuoco

    Donatien – dal latino ‘donatus’, donato da Dio.

    Didace – l’uomo che si affeziona, l’uomo di casa

    Damien – dal latino Damia, nome romano della dea greca Cibele, madre di Giove e Nettuno. Damien era un nome di battesimo abbastanza diffuso durante i primi secoli, sicuramente per il successo del culto della grande divinità. È stato riscoperto in Francia negli anni ’70.

    Dalglish – l’uomo di fuoco

    Damiens – il nome Damiens deriva dalla parola greca Damia. Nell’antica Grecia, Damia è sia la dea della fertilità che la madre di Giove e Nettuno.

    Delvini – l’uomo solitario

    David – dall’ebraico daoud, “amato, caro”.

    Nomi maschili antici che iniziano con la E

    Euclave – quello che si affeziona

    Ernest – il nome Ernest è ispirato al germanico “eornost” che significa “lotta”.

    Enguerrand – dal germanico engil, “angelo”, e hramm, “corvo”. Il corvo si riferisce alle credenze precristiane scandinave. È un nome medievale illustrato da sant’Enguerrand di Metz, che accompagnò Carlo Magno nella sua campagna contro gli Avari d’Ungheria. Gli Enguerrand si celebrano il 25 ottobre. I suoi derivati: Engueran, Angilram, Engeran.

    Exilia – l’uomo sulle sue due gambe

    Ewald – ewald è un nome maschile di origine germanica. Il nome tedesco Ewald deriva dal termine germanico waldo che significa “colui che governa”.

    Eugène – dal greco eugenios, ‘di buona nascita’. Vescovo di Cartagine nel V secolo, Eugenio è noto per la sua lotta contro i re vandalici che lo condussero all’esilio in Gallia. Apprezzato nel XIX secolo, Eugène è stato uno dei dieci nomi maschili più comuni tra il 1860 e il 1890. Vittima del suo successo, ha perso il suo fascino nel XX secolo. Questo nome dal suono dolce potrebbe seguire di gran lunga l’ascesa del suo contemporaneo Jules. Gli Eugènes si celebrano il 13 luglio. I suoi derivati: Eugénio, Evedin, Evgueni, Gene.

    Emilien – emilien deriva dal cognome latino Aemilius. Sant’Emiliano fu sacerdote in Spagna. Si racconta che fosse così generoso – distribuendo tutti i suoi averi ai poveri – che la sua parrocchia gli fu tolta! Divenuto eremita, morì nel 574, centenario! La sua festa: 12 novembre.

    Eindridji – l’uomo che si affeziona, l’uomo di casa

    Edmont – derivato da Edmond, Edmont è un nome proprio maschile di origine germanica. Edmont deriva da due termini tedeschi ed e mund che significano rispettivamente “ricchezza” e “protezione”.

    Edgar – nome maschile di origine germanica, Edgard è composto da “ed” che significa “bene”, “ricchezza” e “gari” che significa “vanga”, “lancia”.

    Elios – elios deriva dal greco helios che significa “sole”.

    Emile – emile è un nome proprio maschile con una doppia origine: greca e latina. Il primo nome compare spesso nelle iscrizioni latine dei primi secoli. Emile deriva dal latino aemulus che significa “emulatore” o “rivale”. È anche il cognome di un’illustre famiglia dell’antica Roma. Emile si ispira anche al termine greco haimulos che si traduce come “accontente”.

    Elphège – dal latino effulgere che significa “essere luminoso”.

    Ellias – derivato da Elia, Ellias deriva dall’ebraico Eliyahu, che si traduce in “Dio è Yahweh”.

    Nomi maschili antici che iniziano con la F

    Frederich – la forma danese di Frederic, Frederich è composta dai termini germanici frido e rik. Questo nome significa “potere della pace”.

    François – il primo nome François deriva dal germain franck che significa ‘coraggioso’. È anche un derivato del nome latino Franciscus. È apparso in Francia nel XV secolo ed è diventato uno dei nomi di battesimo più popolari.

    Florimont – dal latino ‘floris’, fiore, e ‘mons’, la montagna è il fiore del mondo. La sua festa: 4 novembre.

    Félix – dal latino felix, “felice, fortunato”. A Roma Felicita era la dea della fortuna. È rappresentata con una cornucopia e un caduceo. Sinonimo di felicità, Felix è stato a lungo un nome cristiano popolare. È anche il nome dato da molti papi e santi.

    Félicien – dal latino felix, “felice”. A Roma, Felicitas era la dea romana della fortuna. Saint Felicien era un giovane cristiano di Mentana in Italia. Morì martire con il suo amico Prime. Le sue reliquie sono conservate nella Chiesa di Santo Stefano a Roma. Il 9 giugno si festeggiano i Félicien. I suoi derivati: Félix, Félicia, Félicie, Félicité.

    Friduman – colui che porta la fiamma

    Federic – quello che tira, quello che apre a metà

    Fabrice-Rostand – uno che vive in due mondi

    Fabien – nome di famiglia romana, derivato da faba, il fagiolo. Fabian significava carestia. Il nome Fabio era frequente a Roma. Fabian si diffuse in Inghilterra a partire dal XIII secolo.

    Fleuri – l’uomo preoccupato

    Florimond – colui che trionfa

    Florien – quello che si nasconde

    Fleury – colui che annuncia la primavera

    Nomi maschili antici che iniziano con la G

    Gudjbrandr – colui che viene

    Gualbert – originariamente un cognome, “Gualbert” è un nome unisex derivato dai termini germanici “wald” e “berht” che significano “colui che governa”. Questo nome può anche dire “brillante” o “illustre”.

    Gudjleifr – colui che detiene la parola

    Gudjfridjr – colui che insegna

    Gorge – gorge, variante di George, deriva dal termine greco “geôrgios”. Questa espressione era comunemente usata per riferirsi ai “lavoratori della terra” o ai “contadini” dell’epoca.

    Gontrand – di origine germanica, il primo nome Gontrand è composto dai termini tedeschi gund e hramm che si traducono in “guerra” e “corvo”.

    Grégoire – dal greco egregoros, “colui che veglia, che vigila”.

    Gratian – dal nome romano “Gratianus”, “Gratian” significa “grazia”, “beneficio” e “favore” come il sostantivo “gratia”. Gratia è anche la dea del fascino, della bellezza, della natura, della creatività e della fertilità nella mitologia greca.

    Guy – dal germanico wid, “foresta”. Guy è un nome molto comune in Europa, tranne che in Inghilterra dove è maledetto. È infatti il ​​nome di battesimo di un complotto che voleva far saltare in aria il parlamento britannico. San Guido, compagno di San Francesco d’Assisi, fondò un convento in Toscana. I ragazzi si festeggiano il 12 giugno. I suoi derivati: Guyot, Guido, Gui, Gwig.

    Gustave – di origine scandinava, Gustave deriva da götstaf che significa “il sostegno degli dei”.

    Gérard – dal tedesco ger, “lancia, luccio”, e duro, “potente”. San Gerardo era un soldato che divenne monaco benedettino alla morte del padre. Fondò un’abbazia a Brogne in Belgio e ne riformò altre su richiesta del conte di Fiandra. I Gérard si celebrano il 3 ottobre. I suoi derivati: Gerhardt, Gérardin, Garret, Girard.

    Gédéon – il nome Gideon deriva dalla parola ebraica “guideone” che significa “stagione fortunata”.

    Guigoz – colui che domina le onde

    Gudjmundr – colui che passa

    Guilhaume – l’uomo del cuore

    Guilain – guilain è un nome proprio maschile di origine greca. Fa parte dei derivati ​​del nome Gilles. Guilain è preso dal greco aegidios che significa “egida” o “scudo”. Guilain può anche essere tradotto come “mettersi sotto l’egida di”.

    Gaudens – di origine latina, Gaudens significa “l’uomo che tiene la parola”. Deriva anche da Gaudentius che significa “gioia”.

    Gaston – dal germanico gast, “viaggiatore, guerriero”, Gaston è un nome di battesimo esclusivamente francese, in voga alla fine del XIX secolo.

    Gaudias – quello che grida

    Gauderic – viene dal tedesco waldan e ric che significa “governare” e “re”.

    Gabriel – dall’ebraico gavar, ‘forza’, e El, ‘Dio’. Gabriel quindi si traduce come ‘Dio è la mia forza’. È attraverso l’angelo Gabriele (Jibril in arabo) che il Corano è stato rivelato a Maometto ed è lui, nel Vangelo, che annuncia alla Vergine Maria che sarà la madre del Messia. Un bel nome per il tuo angelo!

    Gabin – dal latino gabinus, che significa originario del comune di Gabies in Italia. Gabin viene anche da Gavin, uno dei Cavalieri della Tavola Rotonda, colui che portava la spada di Re Artù, il famoso Excalibur.

    Gaspard – alcuni lo vedono come proveniente dalla Persia dove significa “il possessore di un tesoro”, altri dall’India dove è “il veggente”. Trasmessoci grazie ai Magi, questo nome si è diffuso nella maggior parte dei paesi cristiani. Il suo lato retrò può piacere. San Gaspard fondò l’Istituto dei Sacerdoti del Preziosissimo Sangue e rifiutò di prestare giuramento di fedeltà a Napoleone I. I Gaspard si celebrano il giorno dell’Epifania il 6 gennaio o il 28 dicembre. I suoi derivati: Gaspare, Gaspare, Jasper, Kasper.

    Gareth – di origine gallese, il nome Gareth deriva dalla parola “gwaredd”, che significa “il gentile”, “il gentile” o “l’amichevole”.

    Gaël – dal nome di un eroe della leggenda medievale, dall’antico irlandese Goidel, Gaël era usato per nominare gli irlandesi. significa ‘fonte di gioia’. Molti di questi Celti, stabilitisi in Irlanda, immigrarono in Armorica, l’attuale Bretagna. Gaël è talvolta considerato il diminutivo di Judigaël.

    Glaedwine – l’uomo sulle sue due gambe

    Giraud – derivato dal nome Gérald, Giraud deriva dai termini germanici gari e wald, che si traducono rispettivamente in “lancia” e “sovrano”.

    Godfroy – di origine germanica, il nome Godfroy, derivato da Godefroy (contrazione di “dio” — dio, e di “frid” — pace), significa “la pace di Dio”.

    Godefroi – variante del nome Godefroy, è la versione originale dei nomi Geoffrey e Geoffroy. Il primo nome Godfrey deriva dalla contrazione di “dio” (dio) e “frid” (pace). Significa “la pace di Dio”.

    George – il nome anglosassone George deriva dal greco ‘georgios’, che significa lavoratore della terra.

    Gentien – colui che governa la terra

    Gilles – dal greco aigidos, “scudo”. Oppure dal germanico gisil, che significa giovane germoglio, ma discendeva anche Nella religione greca, Zeus e Atena avevano uno scudo ricoperto dalla pelle della capra Amaltea. Saint Gilles eresse un monastero e ne fu il primo abate. Saint-Gilles è anche il nome dato alla Cattedrale di Edimburgo in Scozia. I Gilles si festeggiano il 1 settembre. I suoi derivati: Gil, Gille, Gillian, Gillart, Gilou.

    George-Henri – colui che insegna

    Nomi maschili antici che iniziano con la H

    Hernan – diminutivo di “Hernando”, nome spagnolo della cultura visigota, Hernan porta anche le radici germaniche di “Hernán”. Questo nome latinizzato maschile deriva dal nome composto “Fard-nanth”, che significa “dolce viaggiatore” o “pellegrino spirituale”. Hernan può essere utilizzato anche come cognome di origine teutonico-gotica. In inglese, Hernan è un’espressione usata per descrivere un uomo che si considera un eroe e che lotta per il benessere degli altri.

    Hilarion – hilarion è un nome dato che deriva dal termine latino hilaris che significa “gioioso” o “allegro”.

    Hermenegilde – colui che domina le onde

    Hermand – piuttosto retrò, Hermand è un nome di battesimo maschile strettamente correlato al nome di battesimo “Armand”. Entrambi derivano dai termini germanici ‘hart’ e ‘mann’, che significano rispettivamente ‘forte’ e ‘uomo’. Hermand può anche significare “esercito” e “gioioso”, a seconda dei termini “hari” e “mand”.

    Hermant – come Hermand e Hermande, Hermant è una variante del nome germanico “Hardman” la cui etimologia è “esercito gioioso” o “uomo forte” a seconda dei diversi dialetti.

    Hroerekr – colui che passa

    Hubert – dal tedesco ‘abbraccio’, intelligenza, e ‘bert’, brillante. Caduto nell’oblio nel XVII secolo come molti nomi di battesimo del Medioevo, Hubert riemerse alla fine del XIX secolo. È anche trendy durante i ruggenti anni Venti… È ancora attuale negli ambienti chic.

    Hrodjgar – colui che giudica

    Honorius – colui che brilla

    Horace – etimologicamente, il nome Orazio deriva dal latino Horatia, nome nobile un tempo adottato da una famiglia romana.

    Hector – dal greco eichen, “condurre”. Nell’Iliade di Omero, Ettore è un eroe troiano e capo dell’esercito. Marito di Andromaca e fratello di Paride, morì per la spada di Achille.

    Heinrick – heinrick significa “casa” e “re” in germanico.

    Hantz – sia in stile scandinavo che germanico, Hantz o “Hans” è il diminutivo di “Johannes” o “Jean” in francese.

    Hadrien – derivato da Adriano, dal latino Adrianus, nome di una famiglia romana originaria della città di Adria, a cui deve anche il mare Adriatico.

    Hallvardjr – colui che domina le onde

    Heintz – il primo nome Heintz deriva dalle parole tedesche “heim” (casa o focolare) e “rik” (re). Significa il “focolare del re” e simboleggia la forza o la robustezza.

    Henri-Paul – uno che vive in due elementi

    Herley – l’uomo che cerca

    Henri – dal tedesco heim, “casa, focolare”, e rik, “potente”.

    Heinz – heinz è un nome preso dalle radici heim che significa “casa” e rik che significa “re”. Potrebbe essere un diminutivo di Heinrich imparentato con Henri.

    Hendrick – derivato da Henry, Hendrick è composto dalle radici germaniche heim e rik, che si traducono rispettivamente in “casa” e “re”.

    Nomi maschili antici che iniziano con la I

    Isidore – dal greco ‘isis’, nome di una divinità egizia, e ‘doron, dono. Sant’Isidoro (560-636) fu arcivescovo a Siviglia. Molto dotto, è all’origine di molti libri, tra cui un’enciclopedia di cultura antica. La sua festa: 4 aprile.

    Ismaël – dall’ebraico ychmael che significa “Dio ascolta”.

    Igin – l’uomo oscuro

    Imbert – imbert è un nome maschile che è diventato un cognome. Questo primo nome dall’antico germanico può significare “enorme”, “immensità”, “luminoso”, “leggero” o “brillante”. Alcune fonti riferiscono che questo soprannome derivi dall’antico francese “Ysambar”, le cui forme contemporanee sono “Isabert” in Germania e “Imbert” in Inghilterra.

    Isaac – dall’ebraico yitsh’a che significa “riderà”.

    Nomi maschili antici che iniziano con la J

    Jessen – usato sia come nome che come cognome, il nome Jessen è usato principalmente in Danimarca e deriva dall’ebraico “Yaakov” che significa “colui che discende da”. Nei racconti biblici, Giacobbe, una variante di Jessen, era il fratello gemello di Esaù che approfittò della fame di suo fratello per convincerlo a lasciargli la sua parte di eredità. James e Jack sono forme contemporanee di Jessen. In danese, “Jessen”, più popolare come cognome, significa “figlio di Jes”, equivalente a “Ioannes” o “John”.

    Jocelin – una variante di Giuseppe, Joscelin viene dall’ebraico yôsep, che si traduce in “Yahweh aggiungerà”. Considerando la sua discendenza germanica, Jocelin è composto dai termini gaux e lind, che significano rispettivamente “principe” e “gentile”. È un nome misto.

    Jean-Paul – quello che passa, quello che schiaccia

    Jean-Prime – colui che porta la vita, che conduce la vita

    Joseph – dall’ebraico Yoseph che significa “Dio aggiungerà” (un figlio).

    Justin – dal latino justus, “giusto, ragionevole”.

    Justinien – il nome Giustiniano deriva dal termine latino justus, che significa “ragionevole” o “giusto”.

    Joseph-Julien – colui che viene

    Jules – dal romano oulos, ‘intero, allo stato naturale’. L’imperatore romano Giulio Cesare ha lasciato alcune tracce della sua occupazione della Gallia, compreso il suo nome. Ma fu solo nel 19° secolo che si affermò.

    Jean-Charles – colui che porta la fiamma

    Jean-Claude – quello che si nasconde

    Jean-Baptiste – quello che prende

    Jacquesme – quello che passa, quello che schiaccia

    Jason – giasone in greco significa “il guaritore”. L’origine di questo nome è controversa. Jason è questo eroe greco che partì per guidare gli Argonauti alla conquista del vello d’oro. Aiutato da Atena, tornò vittorioso e sposò Medea. Ma sarebbe anche la trascrizione greca, nella Bibbia, di Giosuè, amico dell’apostolo Paolo. Jason è sbarcato in Francia attraverso l’America e ha avuto un grande successo negli anni 2000.

    Jean-Marie – colui che porta il mondo

    Jean-Maurice – quello che morde

    Jean-Marc – uno che vive in due mondi

    Jean-Joseph – colui che trionfa

    Jean-Louis – colui che canta la vita

    Nomi maschili antici che iniziano con la L

    Léon – dal latino leo, “leone”. Usato fin dall’antichità, il primo nome ebbe il suo massimo splendore alla fine del XIX secolo. Oggi ritorna, portato da Leo. È il primo nome del figlio di Jamel Debbouze. Saint Léon, anche Léon Ier, si unisce al consiglio che ha assegnato alla Vergine Maria il titolo di “Madre di Dio”. Fu anche colui che persuase Attila a ritirare le sue truppe dall’Italia. La sua festa: 10 novembre. Famosi Léon: Léon Gambetta, Léon Blum, Léon Zitrone, Léon Trostski, Léon Tolstoy… I suoi derivati: Léo, Léonce, Léons, Lenny, Léontin, Léonie, Léone…

    Léandre – dal greco ‘leandros’, uomo del suo popolo. Nell’antica Grecia, Leandros era un nome abbastanza comune. San Leandro (548-596), nato a Cartagena, fu vescovo di Sicilia. La sua festa: 28 febbraio. I suoi derivati: Leander, Leandro, Léand, Léandri.

    Luiz – forma ispanica di Louis, Luiz deriva dall’antico tedesco “lods”, illustre, e “wig”, combattente, che significa “illustre in combattimento”.

    Léopold – dal germanico liut che significa “popolo” e calvo che significa “grassetto”

    Léonce – dal latino leo, leone. Saint Léonce di Tripoli è un martire del 4° secolo. In una guarnigione a Tripoli, in Libano, fu decapitato per aver predicato il Vangelo. Il suo compleanno: 18 giugno.

    Léonard – dal germanico leonhard, ‘forte come un leone’.

    Lucien – lucien è un derivato di Luc. Viene dal latino lux, ‘luce’. Nell’antichità questo era il nome dato ai bambini nati all’alba… I Lucianus erano membri di una numerosa famiglia romana dell’Italia meridionale.

    Leo Paul – l’uomo preoccupato

    Laurens – derivato dal latino laurus, il nome Laurens significa “alloro”.

    Laureat – colui che detiene le acque della terra

    Louis – da ex tedesco ‘lods’, illustre, e ‘parrucca’, combattente, Hlodwig divenne Ludwig e in Frank Clovis, prima di essere trasformato in Louis. Inizialmente riservato ai re, divenne più popolare nel XVII secolo e fu sempre più premiato.

    Luc – dal latino “lux”, luce, o dal nome greco Leukos.

    Louison – nome misto. Diminutivo di Louis (o Louise), dal germanico “hold”, illustre, e “parrucca”, lotta, questo nome è oggi dato sia alle ragazze che ai ragazzi, anche se, nel XVII secolo, era piuttosto femminile. Il santo patrono con questo nome, il re Luigi IX, meglio conosciuto come San Luigi (1215-1270), fu un modello di carità e di coraggio. Morì durante una crociata a Tunisi nel 1270. La sua festa: 25 agosto. Louisons famosi: il ciclista Louison Bobet, l’attrice Louison Roblin. I suoi derivati: Louis, Louise, Alois, Clovis, Gino, Lew, Lewie, Lewis, Lloyd, Ludwig, Luigi, Luis, Louisette…

    Louis-Philippe – l’uomo del cuore

    Nomi maschili antici che iniziano con la M

    Mewann – l’uomo che salta

    Mederil – l’uomo sulle sue due gambe

    Meride – l’uomo che dorme al sole

    Maximer – colui che aspetta

    Melchior – il primo nome Melchior deriva dall’ebraico melech che significa “re”.

    Mozart – colui che canta la vita

    Milow – l’uomo di fuoco

    Morris – morris è per gli inglesi ciò che Maurice è per i francesi. Entrambi derivano dal termine latino maurus che designa la popolazione berbera del Maghreb.

    Mirgal – uno che vive in due elementi

    Miville – colui che porta la fiamma

    Maxence – dal latino maximus, ‘il più grande’.

    Marc – dal latino marcus, derivato dal dio della guerra Marte. Questo primo nome era molto presente nell’impero romano, specialmente con l’imperatore Marco Aurelio. San Marco fu uno dei quattro evangelisti del Nuovo Testamento, discepolo di San Pietro, che vide l’arresto di Cristo sul monte degli Ulivi. È il patrono della città di Venezia. I Marchi si celebrano il 25 aprile. I suoi derivati: Marcel, Marcus, Marco, Marcellus, Marciano.

    Marcel – dal latino marcus, che significa ‘dedicato a Marte, dio romano della guerra. Marcel era un nome di battesimo molto popolare nel 19° secolo e ora è tornato, spinto dalla moda per i nomi di battesimo retrò. È il primo nome del figlio di Christophe Maé e anche del figlio di Marion Cotillard e Guillaume Canet. Saint Marcel fu un papa del IV secolo che tentò di riorganizzare la Chiesa. La sua festa: 16 gennaio. Marcels famoso, gli scrittori Marcel Proust, Marcel Aymé e Marcel Pagnol, il pugile Marcel Cerdan, gli attori Marcel Marceau e Marcel Béliveau, il regista Marcel Carné, l’uomo di lettere e pittore Marcel Duchamp, … I suoi derivati: Marcellin, Marceau , Marcelo , Marcelle, Marceline…

    Manfred – forma tedesca di Alfred, Manfred è composto dalle radici germaniche al e frido. Significa “uomo pacifico”.

    Majoric – l’uomo con il bastone, quello che colpisce

    Malko – l’uomo oscuro

    Marius – cognome romano che deriva dal nome del dio della guerra, Marte. Per noi, soprattutto se siete del sud, il Marius più famoso è quello di Pagnol. Deve la sua fama anche ad un generale, zio di Giulio Cesare, che salvò Roma dall’invasione teutonica. Fu in Italia, durante il Rinascimento, che Mario fu riscoperto e presto trascritto come ‘Mario’. Nel 3° secolo San Mario era un nobile di origine persiana che si convertì al cristianesimo e venne a Roma con la sua famiglia per venerare le tombe dei martiri e fu martirizzato insieme a moglie e figli per la sua fede. I Marius si festeggiano il 19 gennaio. I suoi derivati: Mario, Marios.

    Mathurin – dal latino maturus, “l’uomo maturo”. San Mathurin veniva invocato per curare pazzi e mogli amareggiate. È il patrono dei giullari, antenati degli attori. I Mathurins si festeggiano il 1° novembre. I suoi derivati: Mathurine, Thurin, Maturo, Matilin, Matherin.

    Maurice – maurice deriva dal termine maurus tradotto come “dark” o “dark” e si riferisce al popolo dei Mori.

    Mathias – dall’ebraico matityahu, “dono di Dio”. È uno dei tanti derivati ​​di Mathieu. Il primo nome Mathias deriva dai termini ebraici matith e yâh, che significa “dono di Dio”.

    Martin – deriva dal latino martinus, da Marte, dio della guerra.

    Marx – colui che guida, che comanda

    Nomi maschili antici che iniziano con la N

    Noël – dal latino natalis, che significa “la nascita”, evocando così quella di Cristo. O dall’ebraico immanouel, ‘Dio è con noi’. È la Chiesa che decide nel 353 che la nascita di Gesù sarebbe stata celebrata il 25 dicembre. Fino ad allora, il Natale veniva celebrato il giorno dell’Epifania.

    Numa – il primo nome Numa deriva dal latino “numidiae” che significa “piacevole, bello”. Questo primo nome deriva anche dal greco “nomos” che significa “la legge”. Numa è un primo nome di origine latina, originario della città di Roma. Questo nome è raro ed è diventato un nome provenzale che si trova anche in Svizzera.

    Nephtali – colui che porta il mondo

    Nappoleon – uno che vive in due mondi

    Nathan – dall’ebraico nathan, la sua etimologia significa ‘Dio ha dato’. Questo nome popolare negli Stati Uniti sta vivendo una forte crescita in Francia. Per favore ?

    Nathanaël – dall’ebraico natha ed el, in realtà significa ‘dio dà’.

    Nomi maschili antici che iniziano con la O

    Ovila – colui che passa

    Octave – ottava deriva dal latino ‘octavius’, che significa ottava. Nell’antichità era il cognome di un grande ceppo romano – la gens Octavia – da cui discendeva l’imperatore Augusto. Un’altra traccia, più esoterica, quella della corrispondenza con il numero otto che simboleggia l’armonia. Il nome di Ottavio è stato dato a Roma ai bambini occupando l’8° posto tra i fratelli. Ottavia era il primo nome della moglie dell’imperatore romano Nerone. Octave e Octavie erano nomi molto comuni nel 19° secolo. Sant’Ottava fu nel III secolo un soldato romano convertito al cristianesimo e perseguitato sotto Docleziano. La sua festa: 20 novembre. Ottave famose: gli scrittori Octave Feuillet e Octave Mirbeau, il pedagogo Octave Gréard, l’aviatore Octave Chanute, lo sceneggiatore di fumetti Octave Joly… I suoi derivati: Octavien, Octavie, Octavian Octavienne…

    Oscar – dalla divinità germanica Ans, e da gari, ‘la lancia’, significa ‘guerriero protetto dagli dei’. Saint Oscar o Anschaire era un missionario monaco benedettino Picard, vescovo della città di Brema. Ha acquisito una reputazione come taumaturgo prima della sua morte nel 635. Questo primo nome era di moda nel 19° secolo nella buona società anglosassone. Questo è il primo nome del figlio dell’ex Miss France Sylvie Tellier. Era indossato da due re di Svezia e Norvegia. La sua festa: 3 febbraio. I suoi derivati: Ansgaine, Ansgar, Ocky, Osgar, Ossy. Oscar famosi: lo scrittore Oscar Wilde, l’architetto brasiliano Oscar Niemeyer, lo stilista Oscar de la Renta, il calciatore Oscar Ramirez…

    Ospice – colui che insegna

    Nomi maschili antici che iniziano con la P

    Philippe – dal greco philos, “amico”, e hippos, “cavallo”, significa colui che ama i cavalli. Non lo sappiamo spesso, ma era anche un nome di battesimo per le ragazze fino al 18° secolo!

    Philémon – il primo nome Filemone è ispirato ai termini greci philein e monos, che significano “amare” e “solo”. Per estensione, questo nome è legato al significato di “amico unico”. Può anche significare “chi ama la luna” in un’altra interpretazione.

    Philbert – philbert trae le sue origini dalle parole germaniche fili e berht che si traducono rispettivamente in “molti” e “brillante”.

    Philiber – filiberto è composto dalle radici germaniche fili e berht, che si traducono rispettivamente in “molti” e “luminosi”.

    Polycarpe – quello che monta il cavallo

    Prospere – quello che tira, quello che apre a metà

    Pierre – dal greco petros, ‘la roccia’. Innumerevoli santi e personaggi famosi hanno portato questo nome, ma ricordiamo la storia di questo pescatore della Galilea, Simone, ribattezzato Pietro da Gesù: ‘Tu sei Pietro e su questa roccia edificherò la mia Chiesa’… Alla morte di Cristo , divenne il primo vescovo di Roma dove morì crocifisso, sotto Nerone. Questo nome, o uno dei suoi tanti derivati, potrebbe piacerti. Le pietre si celebrano il 29 giugno. I suoi derivati: Pedro, Peer, Pereg, Perek, Peres, Perez, Perig, Perrin, Perron, Perryn, Pet, Peter, Petr, Petro, Petru, Petrus, Pier, Pierce, Pierino, Piero, Pierrick, Pierrot, Piers, Pieter , Pietre, Pietro, Piotr, Perin.

    Pol Aurélien – viene dall’antico bretone “tut”, il popolo, e “uual”, coraggioso. Saint Tugdual era un monaco gallese venuto per evangelizzare la Bretagna nel VI secolo. Vi si stabilì e fondò il monastero di Tréguier. La leggenda narra che fosse papa e che un cavallo alato lo avrebbe riportato da Roma a Tréguier dopo due anni di pontificato. Se ti piacciono i nomi celtici, questo potrebbe tentarti! La sua festa: 30 novembre.

    Philadelphe – quello che sorride

    Patrice – dal latino patricius che significa “appartenente alla nobiltà romana”. Sarebbe la versione francese del nome inglese Patrick.

    Patrick-Michael – colui che giudica

    Paega – l’uomo sulle sue due gambe

    Paris – personaggio mitologico. Nell’Iliade di Omero, Paride è un giovane principe troiano, figlio di Pryam ed Ecuba. Fu lui a dare inizio alla guerra di Troia rapendo Elena, moglie del re Menelao di Sparta.

    Patrick-Vincent – l’uomo che si affeziona, l’uomo di casa

    Peter-Alexander – l’uomo preoccupato

    Pharrell – quello che tira, quello che apre a metà

    Paul – dal latino ‘paulus’, piccolo.

    Paul-Henri – l’uomo di fuoco

    Nomi maschili antici che iniziano con la R

    Roderick – derivato da Rodrigue, Roderick è composto dalle radici germaniche hrod e rik, che si traducono rispettivamente in “gloria” e “re”.

    Roger – dal germanico ‘hrod’, vittorioso, e ‘gari’, la lancia, Ruggero significa lancia vittoriosa e per estensione glorioso guerriero. Era un nome molto comune nel Medioevo e nel XIX secolo in Francia, Germania, Italia e Inghilterra. In Francia, ha avuto il suo periodo di massimo splendore tra il 1900 e il 1940, quando era uno dei nomi di battesimo più popolari. Oggi non è più così… San Ruggero fu vescovo di Canosa in Italia in Puglia nel XII secolo. La sua festa: 30 dicembre.

    Rostand – uno che vive in due mondi

    Rudolph – derivato da Rodolphe, Rudolph è composto dalle radici germaniche hrod e wulf, che si traducono rispettivamente in “gloria” e “lupo”.

    Raynold – l’uomo di fuoco

    Raphaël – dall’ebraico rephael, ‘Dio guarì’. A partire dagli anni ’60, una certa stabilità ha conferito a questo nome un aspetto classico popolare. Sedotto per il tuo cherubino?

    Real – l’uomo oscuro

    Robert – robert è composto dalle radici germaniche hrod e behrt, che si traducono rispettivamente in “gloria” e “brillante”.

    Reymond – il fiore segreto della Terra

    Nomi maschili antici che iniziano con la S

    Stanislas – derivato dal verbo slavo stan, ‘alzarsi’, e dal sostantivo slawa, ‘gloria’, questo nome si riferisce a qualcuno che si alza per ricevere l’ammirazione di tutti. Stanislas era un nome molto popolare, in particolare in Polonia, dove era indossato da molti principi. Apparve in Francia nel XVIII secolo, forse sotto l’influenza di Stanislas Leszczynski (1677-1766), re di Polonia e suocero di Luigi XV. Per favore ? Gli Stanislas si celebrano l’11 aprile. I suoi derivati: Stan, Stani, Stanley.

    Somarlidjr – quello che tira, quello che apre a metà

    Sylvio – l’uomo che salta

    Swidjhun – quello che prende

    Simon – dall’ebraico shim’ôn, “Dio ha ascoltato”. Simone era il vero nome dell’apostolo Pietro, così chiamato da Cristo stesso. Un altro Simone, soprannominato lo Zelota, partì per evangelizzare la Persia, dove subì il martirio. I Simons si festeggiano il 28 ottobre. I suoi derivati: Simone, Siméon, Sim, Simmer.

    Servais – l’uomo di fuoco

    Samuel – dall’ebraico chmouël o shemu’el, “il suo nome è Dio”. Il profeta Samuele prese la guida del popolo d’Israele e combatté vittoriosamente contro i Filistei. Fu anche soprannominato ‘kingmaker’. Anzi, anziano, sotto la pressione del popolo, stabilì la regalità, prima a beneficio di Saul, poi di Davide. La sua festa: 20 agosto. I suoi derivati: Sammy, Sam, Sammel, Sameli, Zamel.

    Sihat – quello che morde

    Silvère – il primo nome Silvère deriva dalla parola latina silva che significa “foresta”.

    Silas – derivato da Sylvain, dal latino silvanus, “dio della foresta”. Sylvanus era uno dei soprannomi del dio romano Marte. Saint Sylvain fu vescovo di Gaza, in Palestina, durante il regno dell’imperatore Diocleziano nel 4° secolo. Fu condannato alle miniere prima di subire il martirio. La sua festa: 4 maggio.

    Nomi maschili antici che iniziano con la T

    Théophile – dal greco theos, “dio”, e philein, “amare”, il nome Teofilo può significare sia “colui che ama Dio” sia “colui che è amato da Dio”. Questo primo nome attribuito dall’inizio dell’era cristiana ebbe molto successo intorno al 1900. Ora è indossato da Théo. San Teofilo era un soldato romano di guarnigione ad Alessandria nel 3° secolo. Con quattro amici ha consegnato un povero torturato perché cristiano. Questa audacia gli valse una grande reputazione e diede coraggio alla comunità cristiana d’Egitto. La sua festa: 20 dicembre. Teofili famosi: lo scrittore Théophile Gaultier, l’astrologo Théophile d’Edesse, il poeta Théophile de Viau, lo scultore Théophile Barrau, il fondatore delle Galeries Lafayette Théophile Bader… I suoi derivati: Teofil, Teofilo, Theophile…

    Tibere – quello che passa, quello che schiaccia

    Thadée – il primo nome Thadée ha un’origine incerta. Potrebbe derivare dall’aramaico (la lingua di Cristo) ‘taddai’ che significa coraggioso, o dal greco ‘theodotos’, dato da Dio.

    Téophile – una variante di Teofilo, Teofilo è composto dai termini greci theos e philein, che significano rispettivamente “Dio” e “amare”.

    Théophane – teofane deriva dal greco ‘theos’, Dio, e ‘phainen’, apparire. È un nome raro che potrebbe attrarre i genitori in cerca di originalità.

    Tenephore – colui che viene

    Telesphore – quello che nasconde il fuoco

    Theodose – l’uomo sulle sue due gambe

    Thadee – colui che detiene la parola

    Nomi maschili antici che iniziano con la U

    Uriel – dall’ebraico uri’èl, “Dio è la mia luce”. Uriel è un nome biblico, spesso menzionato nell’Antico Testamento. È uno dei sette maggiori arcangeli della Chiesa ortodossa. Il suo derivato: Urielle.

    Ulrick – colui che giudica

    Nomi maschili antici che iniziano con la V

    Vulphy – colui che porta il mondo

    Vasco – vasco è tratto dal termine italiano medievale Velasco che si traduce in “il corvo” in basco.

    Vital – l’uomo preoccupato

    Nomi maschili antici che iniziano con la W

    Willibrod – colui che domina le onde

    Wannick – colui che brilla

    Wilfred-Philibert – uno che vive in due elementi

    Wilfridj – colui che governa la terra

    Nomi maschili antici che iniziano con la Y

    Ynaween – colui che sostiene il mondo

    Yvon – diminutivo di Yves, come lui dal germanico iv, “il tasso”, il legno di cui sono fatti gli arcieri. Se Yvon, come Yves, ha messo radici in Bretagna, è grazie al celebre Saint Yves de Kermatin, nato a Tréguier, giudice al tribunale ecclesiastico di Rennes. Rinomato per la sua imparzialità, è il patrono di tutti gli avvocati. La sua festa: 19 maggio.

    I migliori regali per voi:

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

    error: Content is protected !!