Vai al contenuto

Come addestrare il tuo bambino al vasino: trucchi e segreti

    Scopri le nostre idee regalo per Uomo, Donna, Bambina et Bambino, Ragazza et Ragazzo.

    Il momento giusto: a che età insegnare al bambino a usare il vasino

    Fino a circa 1 anno e 3 mesi il bambino non è ancora in grado di riconoscere e fissare la sensazione di avere la vescica piena. Tentare di addestrare un bambino al vasino prima di questa età può essere completamente fallimentare. E va bene così!

    Prima. Naturalmente, ci sono genitori che sono riusciti ad abituare il bambino al vasino in età molto precoce – lo sviluppo dei bambini è individuale, forse per un bambino particolare era la norma. Ma più spesso il bambino, abituato al vasino “presto” (diciamo, a 7 mesi), lo fa inconsciamente, e questo non è molto buono: il bambino più tardi può improvvisamente “disimparare”. Quindi non perdete tempo a cercare le istruzioni “Come abituare un bambino al vasino a un anno”.

    Più tardi. Succede che il bambino ha già raggiunto l’età media in cui è “tempo” (1 anno e 3 mesi), ma finora nel loro sviluppo non è pronto per andare al vasino. Non bisogna dare subito l’allarme: ognuno è unico, e il bambino ha le sue tappe individuali di maturazione. A volte i genitori devono solo aspettare. La cosa peggiore che mamma e papà possono fare è spuntare delle tabelle, preoccuparsi e spingere il loro bambino. Se il tempo passa e il tuo bambino continua a sporcare i pantaloni, consulta il tuo pediatra per escludere una condizione grave.

    Addestramento al vasino: cause popolari di fallimento

    Durante l’addestramento al vasino, potreste scoprire che il vostro bambino non va in bagno ogni volta. Questo può durare per mesi. Le ragioni di questo comportamento:

    • giocosità;
    • sentirsi poco bene;
    • esperienze negative legate al vasino: per esempio, la madre lo mise sul “trono” e la sua superficie era fredda e il bambino si sentì a disagio;
    • il vasino è associato alla sofferenza: per esempio, quando il bambino era stitico.

    Il compito dei genitori è quello di prevenire il più possibile tutti i momenti negativi associati all’andare in bagno, e non rimproverare mai se il bambino manca lo “stimolo” essendo assorto nelle proprie attività interessanti.

    Come addestrare il tuo bambino al vasino: segreti per i genitori

    • Lavanderia. Ogni bambino sogna di diventare adulto il più presto possibile, per essere come mamma e papà. Questo può e deve essere usato, ma, ovviamente, con moderazione. Per esempio, si può mostrare a un bambino la biancheria intima per bambini e spiegare che è per bambini grandi che non fanno la pipì nei pantaloni. Ci penserà sicuramente e presto vorrà provare la cosa “da adulti”.

     

    • Vasino. Il vasino di un bambino deve essere “il più bello”. Come scegliere e comprare un tale vasino? Fallo insieme al tuo bambino: o in un negozio, o a casa, guidato dalla foto nel negozio online. Tieni conto che il bambino amerà il vasino con i suoi personaggi preferiti, eroi, animali.

     

    • Sedile confortevole. Offrite al vostro bambino di scegliere il proprio posto per gli affari di toilette, non forzate il vasino solo nella toilette o nel bagno. Non proibirgli di prendere cibo (“non è questo il modo!”) o giocattoli e libri quando vuole sedersi sul vasino. È un suo diritto e una sua scelta.

     

    • Istruzioni. Ricordatevi di ricordare ogni giorno a vostro figlio come e perché usare il vasino. Si possono coinvolgere bambole e altri giocattoli per mostrare come usare il nuovo oggetto.

     

    • Segnali. I genitori devono essere attenti. In genere, ogni bambino ha un segno caratteristico che indica che sta per andare in bagno. Alcuni bambini vacilleranno per qualche secondo, altri spingeranno. I genitori dovrebbero metterli sul vasino il più presto possibile.

     

    • Vestiti comodi. È meglio che nel periodo di addestramento al vasino il bambino fosse vestito in modo da potersi togliere facilmente per andare in bagno.

     

    • Rivelazioni. Chiedete al vostro bambino di segnalare quando vuole andare in bagno. Incoraggiate con affetto e lodi per aver fatto la cosa giusta e mostrate un genuino entusiasmo. Non rimproverare mai gli “errori bagnati”. A poco a poco il bambino si ricorderà che il vasino è una gran cosa: è molto più comodo andare senza pannolini.

    Cosa non si dovrebbe mai fare

    L’addestramento al vasino è un processo lungo e varia da persona a persona. Ogni madre dovrebbe tenerlo a mente. Quindi sii paziente e sii amorevole. Non confrontate il vostro bambino con altri bambini e non confrontate lo sviluppo del vostro bambino con tabelle come “pietre miliari dello sviluppo”. Il vostro bambino è unico e ha il suo percorso.

    Una situazione potenzialmente pericolosa è quando un bambino viene forzato, sgridato o preteso per andare nel vasino. Per esempio, dicono: “Finché non vai in bagno, non ti darò giocattoli/cibo/non andremo a fare una passeggiata”, ecc.

    Qualsiasi manipolazione, le minacce non solo rovinare il vostro rapporto con il vostro bambino per molti anni (sì, anche tali “piccole cose” influenzano), ma anche creare terreno fertile per lo sviluppo di vari disturbi psichiatrici, come il disturbo ossessivo-compulsivo (disturbo ossessivo compulsivo). Inoltre, il bambino può iniziare a sviluppare qualità come l’avidità, la testardaggine, la rabbia e la paura delle punizioni.

    I migliori regali per voi:

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

    error: Content is protected !!