Vai al contenuto

Basi di gestione del tempo per le madri in congedo di maternità

    Scopri le nostre idee regalo per Uomo, Donna, Bambina et Bambino, Ragazza et Ragazzo.

    La gestione del tempo è una scienza molto utile per una giovane mamma. Utilizzando semplici tecniche, sarete in grado di pianificare la vostra giornata, assegnare le responsabilità, riposare e risolvere molti problemi quotidiani. Basta seguire questo piano passo dopo passo.

    Passo 1: Guarda attentamente cosa puoi fare

    Cominciamo con un’idea di ciò che una madre con un bambino in braccio può realisticamente fare:

    Durante il periodo neonatale, la madre ha bisogno di riposo. È un momento in cui la donna stessa ha bisogno di cure. Nel primo mese e mezzo, il nostro compito è quello di abituarci al bambino, imparare a dormire con lui e allattarlo. Quindi è meglio lasciare che qualcun altro faccia i lavori di casa. Se potete invitare vostra madre, suocera, fidanzata, sorella, marito o ragazza alla pari, dovreste farlo. In caso contrario, riduci le tue faccende quotidiane al minimo: prepara un pasto semplice e fai solo le cose essenziali, come lavare i pannolini.

    La routine quotidiana di un neonato nel primo mese:

    A 1,5-2 mesi di età, siamo già abbastanza bravi a fare le faccende domestiche con un bambino in braccio. È molto pratico avere un luogo di riposo in ogni stanza: culla, carrozzina, sedia o marsupio. Metti giù il bambino per qualche minuto – lavati le mani, scola le patate calde, versa il tè – e prendi di nuovo il bambino in braccio.
    Dopo tre mesi questo diventa molto più facile. In generale, un bambino a questa età passa meno tempo in braccio. E possiamo fare molto di più di prima.
    A sei-sette mesi, il bambino comincia a sedersi e a gattonare. Hanno un sacco di “responsabilità” in casa. Quindi dobbiamo solo organizzare uno spazio sicuro e avvicinarlo a noi. In questo momento, possiamo fare quasi tutto quello che vogliamo senza dover rimandare le cose.
    Non sperate di rientrare nella routine della vita familiare fino ai tre anni del vostro bambino.

    Passo 2: sbarazzarsi dei rifiuti

    Tutto quello che non usi da più di sei mesi (se non è stagionale), vendilo, regalalo, buttalo via. Le cose superate richiedono molta energia. Sbarazzatevi della spazzatura, non solo nell’appartamento ma anche nel computer: cancellate le newsletter non interessanti, usate un filtro quando leggete le notizie, non guardate la TV.

    Assicurati che la tua testa sia libera da informazioni inutili che “consumano” la tua energia e le tue risorse. Allora sbarazzatevi di ciò che è nella vostra testa. Sono paure, dubbi, insoddisfazioni, rancori. Non vi permettono di rilassarvi e vivere come volete. Ti mangiano le viscere e ti rovinano l’umore, impedendoti di pensare in modo proattivo.

    Passo 3: Fare un programma

     

    Pianificate la vostra giornata elettronicamente o su carta, al mattino o alla sera. Mettete da parte del tempo per affrontare i problemi inaspettati. Anche se non succede niente, trova il tempo per farlo.

    È comodo usare un piano a griglia. Su un foglio di carta, traccia una linea orizzontale nel mezzo. Dividere le tre strisce verticali in 8 frazioni. Le prime sette parti sono i giorni – da lunedì a domenica. L’ultima parte, l’ottava, è lasciata in bianco. Scrivi il tuo piano settimanale per ogni giorno. O i giorni in cui c’è un evidente sovraccarico. Nell’ottava sezione, scrivi ciò che non sai quale giorno mettere o cosa apparirà nella settimana.

    Passo 4: Accorciare la lista delle cose da fare per fare tutto

    Una volta che hai pronta la tua lista di cose da fare per il giorno, suddividila in 5 categorie:

    Rinviare. Per esempio, rimanda la pulizia delle finestre e la pulizia generale per un anno. Segna i compiti rimandati nell’elenco con ‘1’.
    Delegato. Delegate a vostro marito, madre, fidanzata, suocera, figli più grandi – qualcuno che può farlo. Fare la spesa, portare fuori la spazzatura e altre cose sono segnate con un ‘2’. Papà può farlo: lascia che tuo marito sia il babysitter
    Fare cose con il bambino in braccio o con il bambino. Bere il tè, spolverare, innaffiare i fiori, giocare… – numero “3”.
    Quando il bambino è qui. Preparare la cena, pulire il pavimento, leggere, ecc. – mettere il numero ‘4’ accanto ad esso.
    Fare a meno di un figlio. Fare il bagno, fare pulizie complicate con prodotti chimici e simili sono tutti “5”.
    La lista si è ristretta. E questo lascia le cose che dobbiamo fare noi stessi, non possiamo rimandarle, non possiamo delegarle. Potresti affiggere questa lista in un posto visibile, sul frigorifero per esempio, e vedere di tanto in tanto: cosa posso fare ora, mentre ho le mani libere?

    Passo 5: delegare tutto quello che puoi agli aiutanti

    Coinvolgere parenti e amici intimi. Hai bisogno di una pausa di qualità dai lavori di casa e dal bambino. Se l’aiuto dei parenti è improbabile, assumete una babysitter per qualche ora o una governante. Questo è molto più economico che andare da uno psicologo o curare nevrosi o depressione.

    Passo 6: Fare il lavoro del bambino

    Usa un marsupio o un’imbragatura. Non solo puoi portare il tuo bambino a fare una passeggiata veloce e facile, andare a fare shopping o assicurare un buon contatto fisico con lui o lei, ma puoi anche fare un sacco di lavori domestici. Non dovrete pensare a come arrotolare la carrozzina, dove lasciarla o dove andare. Questo vi farà risparmiare molto tempo.

    A casa, mettete il bambino a tavola, dategli un giocattolo o una pentola con un cucchiaio e fate qualcosa di utile mentre sono lì, come innaffiare i fiori o stirare i vestiti. Assicuratevi di parlare con il vostro bambino e raccontargli una filastrocca o cantare una canzone. Il vostro bambino amerà il vasino e la filastrocca e potrete combinare le faccende domestiche con attività educative.

    Passo 7: mescolare le cose per ottenere il lavoro

    A differenza degli uomini, le donne sono multi-tasking. Così puoi destreggiarti tra diverse cose contemporaneamente. Prima di fare i piatti, applica una maschera per capelli e per il viso. Mentre il bambino è nella vasca, pulisci lo specchio e i lavandini. Quando vai a fare una passeggiata, parla al telefono con i tuoi amici. Quando prepariamo la zuppa, tra due ciotole di verdure, puoi leggere un libro al tuo bambino, metterlo a letto e poi tornare in cucina.

    Il corso “Guadagnati il tuo congedo di maternità! Da zero a un reddito decente”.

    È importante tenere a mente che con questo approccio, una donna passa più tempo a cucinare la stessa cena o a lavare i pavimenti. E dovremmo lasciare più tempo: se dobbiamo preparare la cena per le 18, è meglio iniziare alle 15 che alle 17.

    Passo 8: fare la parte più difficile quando il bambino dorme

    Se abituate vostro figlio a un orario, sarà più facile pianificare la vostra giornata. Quando il bambino dorme, si possono fare le cose più difficili: stirare, pulire con detergenti per la casa. I compiti difficili dovrebbero essere divisi in parti più piccole e fatti in più volte.

    Se lavora durante il congedo di maternità, può riuscire a svolgere i suoi compiti di lavoro mentre il bambino dorme. Si possono accumulare fino a 5 o 6 ore di sonno per il giorno e parte della notte per fare il lavoro.

    Passo 9: prenditi del tempo per te stesso

    Trova il tempo ogni giorno per fare qualcosa che ti piace, qualcosa che ti dà gioia e ti solleva il morale! Il tempo personale e le proprie attività sono necessarie per esprimere la propria personalità, per ricaricare la propria energia e forza. Non è raro che le donne si facciano prendere dalla loro vita quotidiana e dai loro figli, che perdano se stesse e la loro gioia di vivere… Ma non possiamo essere interessanti per i nostri mariti e figli se non lo siamo per noi stesse.

    Un’attività preferita può non richiedere molto tempo – 30-40 minuti – ma ogni giorno! Quando scegliete di fare qualcosa di così interessante, considerate i criteri della vostra attività preferita:

    • È interessante, è eccitante
    • Ti dà energia, energia e gioia
    • Porta risultati

    Notate che la vostra attività preferita è molto diversa da “ammazzare il tempo” guardando tutti i programmi televisivi o passando il tempo su forum e social network. Ma anche questi hobby dovrebbero essere permessi una volta ogni tanto.

    Passo 10: Non rimandare le cose

    E il segreto finale: non tirare il gatto per la coda. Se devi farlo, fallo. Non ammucchiatevi – se vedete un’area che ha bisogno di essere lavata/cucita/spugnata/appesa/smacchiata, fatelo. Ci vogliono solo pochi minuti. È molto più facile che accumulare e poi trovare il tempo di ordinare.

    Come può una madre ritrovare la sua energia?

    Essere una mamma, una moglie, una padrona di casa, una cuoca, un’amante, una musa, una bella donna e rimanere sempre sveglia e di buon umore è impossibile. Accetta questo. Concedetevi un po’ di indulgenza. Tu non ti permetti di riposare, e gli altri non te lo permettono! Sei solo una donna con le tue debolezze e sensibilità!

    Anche se segui tutti i nostri consigli, ci sono momenti in cui la stanchezza e i nervi hanno la meglio. Quando questo accade, è necessario ripristinare rapidamente l’equilibrio. Ecco i 5 modi migliori per farlo:

    1. Fai un pisolino di 15-20 minuti. Potete permettervelo e la vostra famiglia vi darà tutto questo tempo. 15 minuti sono sufficienti per recuperare!
    2. Un bagno o una doccia, come preferite. L’acqua dà un’incredibile spinta di energia e forza.
    3. Parla con le tue amiche. Per quanto possa sembrare un cliché, noi donne siamo capaci di facilitare una semplice conversazione. Dopo tutto, una fidanzata ti sosterrà e ti tirerà su di morale.
    4. Shopping! Abiti, cose belle, profumi, qualsiasi cosa che porti gioia e piacere!
    5. Piangere… Sì, questo è un metodo estremo, ma è anche il più efficace.

    Fai il tuo congedo di maternità non per il bambino, ma per te stessa. Per la tua anima! È una tale benedizione – per fare ciò che voglio, per connettermi con coloro che amano, per baciare le guance, per essere me stesso e per diventare ancora più bello! Guarda quanti vantaggi hai rispetto a quelli che lavorano dall’alba al tramonto. La maternità non è una serie di doveri senza fine! È un’opportunità per conoscere se stessi, per imparare nuove abilità, per esplorare il proprio potenziale e per essere la donna più felice del mondo!

    I migliori regali per voi:

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

    error: Content is protected !!