Vai al contenuto

Sedia Butterfly: un tocco vintage per la vostra casa

    Scopri le nostre idee regalo per Uomo, Donna, Bambina et Bambino, Ragazza et Ragazzo.

    Lo stile vintage sta diventando sempre più popolare nell’interior design. Non è necessario un designer d’interni per creare questo stile nella vostra casa. Con una buona dose di immaginazione e una certa mentalità analitica, è possibile trasformare lo stile decorativo del vostro salotto! Oggi il mercato offre una vasta gamma di mobili vintage. Tra i preferiti del momento, presentiamo la poltrona Butterfly.

    Primo piano della poltrona Butterfly

    Ricordiamo che la serie di mobili per interni Butterfly è stata creata nel 1938 dai designer Ferrari-Hardoy, Bonet e Kurchan. Combinando il loro know-how e la loro immaginazione, questi designer si sono ispirati a una sedia utilizzata dagli ufficiali britannici nel XIX secolo. Le sedie Butterfly hanno avuto un successo immediato grazie al loro design. In breve tempo sono diventati un elemento irrinunciabile degli interni originali. Negli anni Cinquanta, la sedia Butterfly fu ribattezzata sedia AA, acronimo di Architecture d’Aujourd’hui, la più antica rivista di architettura.

    Dal punto di vista estetico, la sedia Butterfly è costituita da una struttura in filo d’acciaio con rivestimento epossidico. Il telaio può essere smontato per una maggiore mobilità. Inoltre, grazie alla finitura in pelle, cotone o cuoio, questa sedia per interni è leggera. Conosciute anche come sedie a farfalla, alcuni modelli possono essere utilizzati sia all’interno che all’esterno. Inoltre, per combinare stile moderno e vintage, si consiglia di abbinarlo a un salotto da giardino in alluminio o resina. Potete anche godervi il morbido ondeggiare di una sedia ariosa combinando l’altalena con una sedia Butterfly.

    Come scegliere una sedia a farfalla?

    Il successo della sedia Butterfly è dovuto al suo design unico e innovativo e alla sua versatilità. Al giorno d’oggi esiste un’ampia gamma di modelli che a volte sono difficili da distinguere. Pertanto, è utile sapere quali criteri tenere presenti nella fase di selezione.

    Tessuto

    La scelta del tessuto è molto importante quando si tratta di acquistare una sedia a farfalla. È consigliabile scegliere un tessuto traspirante, adatto a tutte le stagioni e piacevole al tatto. Oggi esistono materiali impermeabili e resistenti ai raggi UV. La sua robustezza si adatta all’ambiente esterno. Altrimenti, per accentuare l’effetto vintage, la pelle rimane l’alternativa più sensata per un rivestimento esterno.

    Colori

    Chi intende utilizzare una sedia a farfalla in casa può optare per un tessuto monocromatico dai colori tenui. In questo modo, il design sarà armonioso e rilassante.

    D’altra parte, se vi piacciono le cose stravaganti per impressionare i vostri ospiti, dovete sapere che le sedie AA sono disponibili in diversi colori. Avrete a disposizione un’ampia scelta di sedie Butterfly con motivi originali e colori vivaci.

    Per adattarsi allo spirito dello spazio esterno e portare un’atmosfera calda in giardino, le sedie Butterfly sono disponibili anche con motivi geometrici o floreali. In questo modo si può evitare il falso senso di armonia di avere una poltrona o una sedia a sdraio sospesa nelle vicinanze del giardino.

    Dimensioni della poltrona

    Che si tratti di un mobile da giardino o del centro del salotto, le dimensioni sono uno dei criteri più importanti per l’acquisto di una sedia a farfalla. Anche se l’obiettivo è il comfort e il relax, i mobili non devono essere ingombranti. Scegliete in base al vostro spazio abitativo.

    Vero e proprio tributo allo stile vintage, la poltrona Butterfly è ugualmente adatta per essere collocata all’interno, in giardino o in terrazza. Il suo design unico e la sua leggerezza lo rendono indispensabile, soprattutto perché offre un comfort eccellente. Non è necessario investire in cuscini.

    I migliori regali per voi:

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    error: Content is protected !!